Roma, ai sedicesimi di Europa League c’è il Genk. Zubiria spegne il caso Florenzi

Roma, ai sedicesimi di Europa League c’è il Genk. Zubiria spegne il caso Florenzi

I giallorossi affronteranno il club belga, ansioso di vendicare l’1-7 di 10 anni fa. Il Global Sport Officer, intanto, spiega la battuta del capitano: “Alla cena di stasera non sarà un addio”. Fiocco azzurro per Pau Lopez

di Francesco Iucca, @francescoiucca

Nel giorno in cui ha conosciuto l’avversario che affronterà nei sedicesimi di Europa Legue, la Roma si gode il giorno di riposo concesso da Fonseca dopo la vittoria in rimonta contro la Spal. Una prestazione, soprattutto una reazione, che ha convinto il tecnico giallorosso e permette di restare incollati al quarto posto, sfruttando la frenata dell’Atalanta. Un successo merito anche e soprattutto del portoghese, che ha strigliato i suoi per il pareggio deludente contro il Wolfsberger. Fonseca sempre più sergente di ferro, ha conquistato Trigoria e tiene in pugno la Roma.

Stasera va in scena la tradizionale cena di Natale con i dipendenti del club, che ha visto la partecipazione di Alessandro Florenzi, Paulo Fonseca e tutti i vertici dirigenziali. Il capitano giallorosso è al centro delle attenzioni per le dichiarazioni nel postpartita di ieri e quello che sarà il suo discorso strappalacrime. Il Global Sport Officer Manolo Zubiria ha gettato acqua sul fuoco: “Nessun discorso di addio, è stato mal interpretato ieri. Ieri ha fatto un discorso di Natale per il settore giovanile, parlando da vero capitano, e stasera mi aspetto lo stesso”.

Caricamento sondaggio...

ROMA, ECCO IL GENT – La notizia del giorno, però, è ovviamente il sorteggio andato in scena in tarda mattinata a Nyon. Dopo gli ottavi di Champions League, l’Europa League ha visto svelati i sedicesimi di finale, con due italiane impegnate. Accoppiamento abbordabile per la Roma, che pesca il Gent, terzo nel campionato belga: una squadra che ai giallorossi evoca ricordi piacevoli risalenti a 10 anni fa, ma che è in netta crescita negli ultimi anni. Con il sorteggio sono state rese note anche le date, con i relativi orari, dei match di andata e ritorno: per Fonseca prima sfida all’Olimpico, poi il viaggio in Belgio. “Il Gent è una buona squadra, abbiamo davanti due gare complicate che sono sicuro affronteremo con il coraggio e l’ambizione di voler vincere, il commento dell’allenatore portoghese. Soddisfatto il Global Sport Officer della Roma Zubiria: “È andata bene, ma eravamo pronti a qualsiasi avversario. Non abbiamo paura di nessuno, anzi erano gli altri ad essere preoccupati di incontrare noi. Uno dei nostri obiettivi stagionali è andare fino in fondo e si vede da come giochiamo”.

Anche i tifosi giallorossi hanno preso bene il verdetto dell’urna di Nyon e sui social c’è molta fiducia per il passaggio del turno. Intanto la Roma ha già reso note le modalità di vendita dei biglietti per il match di andata all’Olimpico: per chi ha acquistato tutti i tagliandi delle trasferte europee di questa stagione, l’ingresso sarà omaggio. In casa Gent c’è emozione per un accoppiamento affascinante: “È un piacere ricontrarci di nuovo”, ha scritto il club. Sa che non sarà facile l’allenatore della squadra belga, Jess Thorup: “La Roma è una società di prim’ordine ed esperta, sarà difficilissimo. Per noi è una grande prova giocare contro una delle migliori d’Europa”. Il dg, invece, sogna cancellare quell’1-7 di 10 anni fa: “Sono contento per il sorteggio, non voglio essere ricordato solo per quella partita”.

LE ALTRE NEWS – In attesa dell’ultima partita dell’anno i tifosi giallorossi hanno esaurito in poche ore i posti disponibili per assistere all’allenamento a porte aperte che si terrà a Tre Fontane il primo dell’anno. Un 2019 da incorniciare per Pau Lopez, che dopo aver convinto la Roma ha festeggiato la nascita del suo secondo figlio, Leo, nato stamattina. Dal nuovo anno Paulo Fonseca potrebbe chiedere un attaccante in grado di far rifiatare Dzeko senza che la squadra ne risenta. Uno dei nomi principali di quesi giorni è Andrea Petagna, che ieri ha segnato il gol del momentaneo vantaggio della Spal. Il presidente degli estensi, Walter Mattioli, ha però chiuso in maniera categorica a una cessione del classe ’95: “No, resta con noi”. Il prossimo anno, invece, potrebbe tornare in giallorosso Patrik Schick: il ceco ha cominciato a ingranare, ha trovato il suo secondo gol stagionale dopo i problemi fisici e il Lipsia potrebbe prendere in considerazione l’idea di riscattarlo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy