Smalling si riduce l’ingaggio per restare a Roma. Spunta la seconda maglia della prossima stagione

Smalling si riduce l’ingaggio per restare a Roma. Spunta la seconda maglia della prossima stagione

Il difensore pronto a lasciare definitivamente il Manchester United. Torna il lupetto di Gratton nella divisa da trasferta. Carles Perez: “Stiamo facendo molto bene, continuiamo così”

di Redazione, @forzaroma

Chris Smalling e la Roma pronti a proseguire insieme. Il difensore è deciso a rimanere nella capitale: il club giallorosso, nei prossimi giorni, tornerà dunque a parlare con il Manchester United per la sua riconferma. In ballo c’è anche la partecipazione in Europa League del centrale, che attualmente è in dubbio, essendo stato prolungato l’accordo del prestito solo fino al termine di luglio. I Red Devils vogliono 20 milioni, la Roma è ferma a 14, ma Smalling, dal canto suo, è disposto a rinunciare a una parte dell’ingaggio per contribuire alla riuscita della trattativa: l’inglese all’inizio aveva chiesto 3 milioni netti, ora è sceso a 2,5.

Il giocatore, assieme a Pellegrini, Zaniolo, Mkhitaryan e Dzeko, è stato il testimonial della nuova maglia che verrà indossata già contro la Fiorentina. Ma poco dopo la presentazione ufficiale dell’home kit, ecco spuntare le prime immagini della seconda maglia. Che sarà bianca avorio e con il celebre lupetto disegnato da Piero Gratton negli anni Settanta. Un ritorno al passato molto apprezzato dai tifosi, che sul web hanno promosso la creazione di Nike.

La Roma che va: da Zaniolo a Peres e Kolarov. Carles Perez: “Continueremo su questa strada”

 

Dal cambio di modulo la Roma sembra rinata. La squadra ha superato il momento di difficoltà e adesso guarda con più fiducia al mantenimento del quinto posto. In diversi si sono messi in luce: da Nicolò Zaniolo, autore dello splendido gol contro la Spal, che ha cancellato le polemiche dei giorni precedenti alla partita di Ferrara (il centrocampista, reduce da una giornata di relax in Liguria, oggi è tornato ad allenarsi), a Bruno Peres, letteralmente rinato dopo la cura Fonseca. Anche Aleksandar Kolarov si è ritagliato uno spazio importante, e ha realizzato il 3-1 pur giocando da difensore centrale.

Un altro calciatore andato a segno nell’1-6 del Paolo Mazza è Carles Perez, alla prima gioia in Serie A. Lo spagnolo, intervistato dal sito ufficiale della Roma, si è mostrato fiducioso per il prosieguo della sua esperienza e per il finale di stagione: “Stiamo facendo molto bene, sono sicuro che continueremo su questa strada. La squadra è concentrata, dovremo arrivare al meglio alla sfida col Siviglia”.

Balzaretti: “Fonseca sta facendo un buon lavoro”

 

Ha celebrato il buon lavoro della Roma, in particolare quello di Fonseca, pure Federico Balzaretti. Secondo l’attuale opinionista di Dazn, le strade tra la società e il tecnico portoghese non si divideranno a fine stagione.

Non è stato l’unico ex giallorosso a parlare oggi. Ci sono infatti da registrare anche le dichiarazioni di Sven Goran Eriksson, sulla panchina della Roma nel triennio 1984-87 e successivamente allenatore della Lazio dal ’97 al 2001. Proprio a quest’ultima esperienza è legato il retroscena del mister svedese, che ha raccontato di quando Cragnotti rifiutò la sua richiesta di prendere Gabriel Batistuta, poi finito sull’altra sponda del Tevere.

E a proposito di ex: Eusebio Di Francesco pare vicino alla panchina del Deportivo Alaves, mentre, dulcis in fundo, Daniele De Rossi oggi ha festeggiato il suo 37° compleanno. Tra i vari auguri, sono arrivati pure quelli di Juan Jesus: “Il metronomo del branco, la guida coraggiosa di un gruppo di amici. Tu davi il ritmo e noi ti seguivamo a occhi chiusi”, il messaggio del brasiliano.

A cura di Paolo Franzino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy