La Roma torna al lavoro a Trigoria. Kolarov ai saluti, distanza col Napoli per Milik

Tamponi negativi: svolto il primo allenamento della nuova stagione. Il serbo verso l’Inter, manca l’accordo con gli azzurri per il possibile sostituto di Dzeko

di Redazione, @forzaroma

A tre settimane di distanza dalla sconfitta con il Siviglia, la Roma è tornata a lavorare a Trigoria. Dopo aver annullato l’allenamento di ieri a causa delle positività al coronavirus di Bruno Peres e Justin Kluivert, il mister Paulo Fonseca ha diretto nel tardo pomeriggio la prima seduta della stagione 2020-21. I giocatori, che in mattinata si sono presentati a Trigoria per effettuare un nuovo ciclo di tamponirisultati tutti negativi – in modo da scongiurare altri contagi all’interno della prima squadra, hanno prima svolto dei test all’interno della palestra e successivamente sono scesi in campo. Per domani alle 9.30 è in programma il secondo allenamento.

Calciomercato Roma: Kolarov e Schick in uscita, Dzeko forse. Per Milik manca l’accordo col Napoli

 

Nel centro sportivo intitolato a Fulvio Bernardini c’erano anche Aleksandar Kolarov ed Edin Dzeko, entrambi al centro di voci di mercato. Il terzino serbo è a un passo dall’Inter: l’intesa con il giocatore è già stata raggiunta, fra giallorossi e nerazzurri balla all’incirca mezzo milione di euro. Dopo tre anni nella capitale, l’esperienza dell’ex Manchester City sembra ormai conclusa. La trattativa legata a Dzeko è invece strettamente legata a quella col Napoli per Arkadiusz Milik: sul bosniaco c’è la Juventus, e la Roma, per lasciar andare il suo capitano, che ancora non ha chiesto la cessione, deve prima ottenere i sì dell’attaccante partenopeo e del club azzurro. Tra le due parti c’è distanza: il Napoli ha chiesto i cartellini di Cengiz Under e Alessio Riccardi più venti milioni cash, Fienga non è disposto a offrirne più di dieci. Intanto l’agente del turco ha incontrato il ds Giuntoli per limare gli ultimi dettagli del contratto che il numero diciassette dovrebbe firmare in caso di accordo tra le due dirigenze. Col Napoli si tornerà a parlare pure di Jordan Veretout, l’obiettivo numero uno di Gattuso per rimpiazzare Allan, promesso sposo dell’Everton. Fonseca, dal canto suo, ha chiesto alla dirigenza di rendere incedibile il centrocampista francese.

Tra i giocatori in uscita c’è anche Patrik Schick: il Bayer Leverkusen è sempre più vicino all’attaccante, soprattutto dopo aver trovato l’accordo con Chelsea e Monaco per le cessioni, rispettivamente, di Havertz e Volland. I tedeschi guadagneranno complessivamente 120 milioni, e parte di questa somma sarà investita per l’ex Sampdoria e Lipsia. Ai saluti pure Juan Jesus e Davide Santon: sul centrale ci sono Cagliari e Genoa; gli stessi rossoblù liguri, come il Parma, hanno fatto un sondaggio per il terzino, approfittando del rallentamento della trattativa con il Besiktas. Il numero 21 ha fatto sapere che accetterà solo un trasferimento a titolo definitivo.

Il procuratore di Amadou Diawara ha confermato l’interessamento dell’Arsenal nei confronti del suo assistito, precisando però che il guineano, nella capitale, si trova bene. Nei giorni scorsi si era parlato di un possibile scambio con i “Gunners”, i quali potrebbero mettere sul piatto Lucas Torreira, escluso dalla lista dei convocati dal tecnico Arteta per l’impegno in Supercoppa inglese.

Sicuramente rimarrà a Roma Henrikh Mkhitaryan. L’armeno, una delle poche certezze in questo mercato, resterà nella capitale anche nel periodo dedicato alle nazionali, avendo chiesto al ct Caparros di non essere convocato per gli impegni settembrini dell’Armenia. Sarà lui a raccogliere nello spogliatoio l’eredità di Kolarov e, forse, pure quella di Dzeko.

Paolo Franzino

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy