Roma verso il Benevento, Calafiori col Covid. Fonseca: “Addio Florenzi una sua scelta”

Tutti gli altri tamponi sono negativi, squadra in isolamento a Trigoria. Tesserato il portiere Simone Farelli. Novità stemma: torna il vecchio sulla seconda maglia dell’anno prossimo. Vincono Primavera e Femminile

di Marco Prestisimone, @M_Prestisimone

Vigilia di campionato inedita per la Roma. Domani sera alle 20.45 allo stadio Olimpico arriva il Benevento di Pippo Inzaghi e per i giallorossi è l’occasione per ottenere la prima vittoria in casa. Le ultime ore giallorosse però sono state movimentati dai risultati degli ultimi tamponi: negativi per tutta la squadra fatta eccezione per Riccardo Calafiori, che si unisce a Diawara nella lista degli indisponibili a causa del virus. L’intero gruppo squadra resterà in isolamento a Trigoria per evitare contatti con l’esterno ed evitare problemi in vista delle prossime partite di campionato e coppa. Delineato il programma per l’Europa League: mercoledì la Roma sarà in Svizzera dove svolgerà la rifinitura alla vigilia dell’esordio con lo Young Boys. E nella rosa c’è anche una novità: è Simone Farelli, 37enne portiere che era svincolato, che già oggi ha svolto le visite mediche e da domani si allenerà agli ordini di Savorani.

Fonseca: “Volevo tenere Florenzi, ha scelto il PSG”

 

Alle 14 il tecnico Paulo Fonseca ha presentato in conferenza stampa la partita contro il Benevento ma la notizia della giornata sono sicuramente le sue parole su Alessandro Florenzi, ancora tra i migliori in campo col PSG: “Io volevo che Florenzi rimanesse con noi, sarebbe stato utile in questo sistema. Io ho parlato con il calciatore, lui ha deciso di giocare al PSG e capisco questa decisione. Però era mia intenzione farlo restare”. Poi sulla stagione e sulla ricerca del direttore sportivo: “Ne abbiamo bisogno, tutte le squadre ce l’hanno. Ho parlato di mercato dicendo che nessun allenatore è mai pienamente soddisfatto, ma per la Champions ci siamo anche noi con Lazio, Atalanta e Milan”.

LaPresse

Dopo la conferenza, via all’allenamento a Trigoria: Smalling è out per il Benevento così come Karsdorp oltre a Zaniolo e Pastore, il cui rientro è previsto nel 2021. In difesa ancora il trio Mancini-Ibanez-Kumbulla, con Santon che dovrebbe avere la meglio ancora su Bruno Peres (mentre per il mercato torna di moda Omeragic). In mezzo Pellegrini e Veretout con Spinazzola a sinistra. Davanti confermato il trio Pedro-Mkhitaryan e Dzeko, a caccia del primo gol stagionale. Il Benevento invece recupera Tello.

Torna il vecchio stemma. Primavera e Femminile volano 

 

I tifosi più romantici e legati al passato possono sorridere: il vecchio stemma è destinato a tornare. Nei giorni scorsi un incontro a Trigoria tra Fienga, l’avvocato Contucci e una delegazione di tifosi che hanno consegnato due raccolte firme. Il Ceo ha spiegato che il nome “Roma” è più spendibile all’estero piuttosto che “AS Roma”, ma che il club verrà incontro alla richiesta: sulla seconda maglia della prossima stagione tornerà lo stemma ASR. Intanto la prima divisa di quest’anno è stata eletta la quarta più bella di tutti i campionati.

Successi per Primavera e Roma femminile: i ragazzi di Alberto De Rossi battono nettamente 4-0 l’Atalanta con i gol di Tall, Zalewski e la doppietta di Darboe. La squadra di Betty Bavagnoli batte al 90′ il San Marino: finisce 3-2 grazie alla rete nel finale di Serturini. Domani doveva essere il giorno della presentazione ufficiale del film su Francesco Totti al Festival del cinema di Roma, ma l’ex capitano non sarà presente vista la recente perdita del papà.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy