Tegola Smalling, si ferma pure Pellegrini. Zaniolo: “Sarebbe triste lasciare la Roma”. Casting vice-Dzeko

Tegola Smalling, si ferma pure Pellegrini. Zaniolo: “Sarebbe triste lasciare la Roma”. Casting vice-Dzeko

Il centrale inglese potrebbe aver chiuso in anticipo il 2019 per un infortunio al ginocchio. Pomeriggio di impegni per i giocatori giallorossi, tra l’Umberto I e la parrocchia di Tor Bella Monaca. Si scalda il mercato: tutti i nomi

di Francesco Iucca, @francescoiucca

Continua la marcia di avvicinamento della Roma alla sfida di Europa League contro il Wolfsberger, che sarà arbitrata dall’inglese Pawson: con un punto i giallorossi sono aritmeticamente ai sedicesimi, altrimenti dovrà guardare il risultato di Gladbach-Basaksehir. Per Fonseca, però, dall’allenamento di oggi arrivano ancora brutte notizie: sia Smalling che Lorenzo Pellegrini, infatti, hanno lavorato in palestra. Per il centrale inglese si tratta di un trauma contusivo distrattivo al ginocchio sinistro (con interessamento del collaterale) e potrebbe aver addirittura chiuso in anticipo il suo 2019. Per il centrocampista di un trauma contusivo al piede sinistro che ha causato una microfrattura. Un bel problema per il tecnico portoghese, che contro la Spal non avrà a disposizione neanche Gianluca Mancini. Pomeriggio denso di impegni per alcuni calciatori della Roma: dopo l’esperienza toccante vissuta ieri da Fonseca, Pau Lopez e Pastore hanno fatto visita ai bimbi del reparto oncologico del Policlinico Umberto I insieme ai calciatori della Lazio. Zaniolo, Mkhitaryan e Antonucci, invece, hanno portato un po’ di Roma nella parrocchia di Tor Bella Monaca. Soprattutto il centrocampista azzurro ha parlato anche di futuro: “In giallorosso sto bene, ma se dovessi andarmene sarei triste. Tante le domande dei bambini, anche il campione armeno ha risposto sui motivi del suo arrivo nella capitale e non solo.

MERCATO – Va avanti la trattativa tra James Pallotta e Dan Friedkin per la cessione delle quote della Roma, con cifre che ballano tra gli 800 e i 950 milioni di euro. Sul campo, invece, Gianluca Petrachi si sta guardando intorno per il ruolo di vice-Dzeko: la rosa di nomi si allarga e può contare ad ora sulle voci relative a Moise Kean, Andrea Pinamonti e Mariano Diaz. Non solo, perché nella lista c’è anche Haris Seferovic del Benfica, oltre a Hysaj che invece è il nome caldo per la difesa. In uscita ci sono Florenzi e Perotti, ma è il rischio è di perdere Chris Smalling: su di lui c’è forte l’interesse dell’Arsenal, pronto a offrire 15 milioni di euro. In queste ore sta salendo anche la candidatura di Giacomo Bonaventura, polivalente centrocampista del Milan che è in scadenza 2020 e non ha ancora deciso se rinnovare. I giallorossi hanno effettuato dei sondaggi, da valutare l’eventuale seguito nella trattativa. Un colpo di mercato, invece, può metterlo a segno anche Francesco Totti: il nome è quello di Sebastiano Esposito, giovane talento dell’Inter che presto dovrebbe entrare a far parte dell’agenzia dell’ex capitano romanista. Infine, firma ufficiale per il classe 2001 della Primavera Luca Chierico: c’è il rinnovo fino al 2022.

LE ALTRE NEWS – Giornata speciale per Daniele De Rossi, che stamattina alle 6.30 è atterrato a Fiumicino da Buenos Aires. L’ex centrocampista giallorosso ha approfittato della lunga pausa del campionato argentino per tornare a casa in occasione delle vacanze natalizie. Chissà se si concederà un’apparizione allo Stadio Olimpico per i prossimi impegni della Roma. La squadra di Paulo Fonseca, intanto, ha conosciuto la data dell’ottavo di finale di Coppa Italia: il match in casa del Parma si giocherà giovedì 16 gennaio alle 21.15. Il club giallorosso, inoltre, in qualche modo è già entrato anche in aria di derby: da domani in vendita i biglietti per il big match contro la Lazio in programma il 26 gennaio. Infine le parole dell’assessore allo Sport Daniele Frongia, che ha detto la sua anche sullo Stadio della Roma e il possibile ingresso del ceco Vitek.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy