Fonseca: “Mai sentito in pericolo. Col Braga Dzeko titolare”. Villar: “Voglio una Roma da scudetto”

Il tecnico giallorosso ha parlato prima del match di Europa League, annunciando anche Cristante capitano: out Smalling e Kumbulla. L’allenatore dei portoghesi: “Sappiamo come fargli male”

di Francesco Iucca, @francescoiucca

Vigilia europa per la Roma di Paulo Fonseca, che domani tornerà a giocare in quello che è stato il suo stadio e la sua casa. I giallorossi affronteranno il Braga in trasferta nell’andata dei sedicesimi di finale di Europa League, con qualche problemino di formazione senza dubbio. Soprattutto in difesa, dal momento che anche oggi Smalling e Kumbulla si sono allenati a parte e sono out per il match in Portogallo. Buone notizie arrivano invece da Ibanez, che ha partecipato regolarmente alla seduta con il gruppo ed è stato convocato, a differenza degli altri due compagni. Di certo tornerà Edin Dzeko al centro dell’attacco dal primo minuto: a rivelarlo è stato lo stesso Paulo Fonseca nell’intervista della vigilia in cui ha confermato anche che la fascia andrà a Cristante. Questo vuol dire anche che Lorenzo Pellegrini invece partirà dalla panchina, dal momento che il primo capitano ora è lui. Da verificare l’inserimento eventuale di Diawara e quello decisamente probabile di Pedro.

LaPresse

Fonseca: “Il mio posto mai in pericolo”. Villar: “Qui tra cinque anni, ma voglio vincere”

In un’intervista in patria, invece, Fonseca ha parlato anche delle voci che lo vogliono costantemente in bilico sulla panchina della Roma. “Essere qui comporta molta pressione, soprattutto da parte della stampa. Si parla molto, ma non ho mai sentito il mio lavoro in pericolo e ho sempre avuto l’appoggio di tutti. Poi dipende dai risultati, ma al momento siamo terzi”. Il tecnico ha parlato anche di Tiago Pinto: “Avevo sentito parlare di lui, le aspettative sono state confermate e sta facendo un buon lavoro, è organizzato e competente”. Accanto a Fonseca in conferenza c’era Roger Ibanez: “Ho l’ambizione di vincere qualcosa qui con la Roma, devo lavorare duro per farlo. L’Europa League non è la Champions, ma è una competizione importante dove ci sono grandi squadre”.

Questa mattina, invece, a parlare è stato Gonzalo Villar, giocatore sempre più importante per la Roma:Come mai non battiamo le big? Forse subentra un problema a livello mentale, come se questa voglia di dover battere una big ci fa scattare qualcosa“. Il rapporto dello spagnolo con la piazza giallorossa è già molto stretto: La gente mi vuole bene, mi fermano ovunque. In Spagna non c’è niente di simile, se giochi nella Roma diventi quasi una divinità“. E il futuro:Tra cinque anni mi immagino magari uno dei giocatori più importanti della Roma, che lotta però ogni anno per lo scudetto e compete in Champions“.

Braga, Carvalhal: “Sfideremo la Roma guardandola negli occhi, siamo tosti”

Fonseca ha messo in guardia la sua squadra sul Braga, terzo in campionato e in serie positiva da ben sette partite. Il tecnico della Roma conosce bene Carlos Carvalhal, allenatore dello Sporting: “Le critiche a Paulo? Ci vuole tempo per coniugare al meglio le sue idee con il campionato italiano, lui sta continuando a imparare”. Il mister del club portoghese ha parlato poi anche in conferenza stampa accando a uno dei suoi giocatori più forti, Ricardo Horta:Affronteremo un grande club. Noi abbiamo solo recuperato in questi giorni, i calciatori sono in affanno. Camminiamo sul filo spinato e il Braga lo ha fatto benissimo, grazie al gruppo che ho, con giocatori di grande carattere. Sfideremo la Roma guardandola negli occhi, conosciamo nel dettaglio i loro punti di forza, che sono tanti ma in alcune cose sono vulnerabili”.

Intanto i Friedkin continuano la ‘rivoluzione’ all’interno delle mura di Trigoria e, soprattutto, di viale Tolstoj: Max Van Den Doel sarà il nuovo direttore marketing, ma la proprietà è alla ricerca anche dell’erede di Francesco Calvo, che lascerà il ruolo da Chief Operating Officer, affidandosi all’azienda statunitense IMG. Intanto in Lega si sta giocando una partita a dir poco vitale per il calcio italiamo come quella per i diritti tv. Oggi era prevista l’assemblea per discutere dell’argomento, con la scelta tra Sky e Dazn, ma non si è raggiunto il quorum per lo svolgimento a causa dell’assenza di ben 9 club tra cui proprio la Roma. In campo, invece, la Roma Primavera di Alberto De Rossi non riesce a tornare alla vittoria: in casa del Cagliari finisce 2-2 con il pareggio nel recupero di Satriano. Nel postpartita sono arrivate le parole dell’autore del gol e ovviamente del tecnico giallorosso che però è rimasto contento della prestazione nonostante errori “non degni di questa categoria”.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy