Croce (giallo)rossa, dopo Pellegrini si ferma anche Miki: Totti show nel calcio a otto

Croce (giallo)rossa, dopo Pellegrini si ferma anche Miki: Totti show nel calcio a otto

Si aggiorna nuovamente la lunga lista degli infortunati in casa Roma. Fonseca prepara la sfida contro il Wolfsberg, mentre Dzeko lo elogia. Dopo il numero dieci, stanotte tocca a De Rossi contro il River

di Danilo Calicchia

Dopo la vittoria esterna contro il Lecce allo Stadio Via del Mare, la Roma si prepara alla seconda gara del girone di Europa League, dove si troverà ad affrontare il Wolfsberg. Un test che non va affatto sottovalutato, con l’allenatore Struber che è riuscito a creare da un’umile creatura, una squadra coraggiosa capace di sovvertire ogni pronostico (poker rifilato al Borussia M’Gladbach). Fonseca è ben consapevole di tutto ciò, ma intende apportare dei cambi alla formazione tipo per concedere riposo ad acluni giocatori dopo il “tour de force” degli incontri ravvicinati. Contro il club austriaco quindi, spazio a Spinazzola, Pastore e Juan Jesus dal primo minuto, con Kalinic che scalpita in attesa di un’occasione da titolare.

PIOVE SUL BAGNATO – Oltre al brutto infortunio che terrà fuori dal campo per due mesi (forse) Pellegrini, Fonseca dovrà fare a meno anche di Mkhitryan, alle prese con una lesione tendinea all’aduttore (out 3 settimane). Notizie queste, che lasciano l’amaro in bocca al tecnico portoghese, costretto a fare meno di due pedine essenziali nel suo gioco in vista dei prossimi impegni. Fiducia a Zaniolo quindi, con Pastore che si giocherà le sue chance agli occhi dell’ex Shakhtar nel match d’Europa League. In via di recupero Under, che non vede l’ora di riprendersi la fascia destra offensiva nel 4-2-3-1.

DICHIARAZIONI – Sull’operato di Fonseca e su tanti altri temi si è espresso Edin Dzeko, intervistato dalla Roma: “Fonseca capace e onesto, per me è perfetto. Possiamo lottare per Europa League e Coppa Italia”. Parole di stima quelle del centravanti bosniaco, sempre più convinto di aver preso la decisione migliore per sè nonostante le accattivanti sirene provenienti da Milano, sponda nerazzurra. Nonostante la mancata convocazione nell’ultimo impegno della Nazionale italiana, il ct Mancini spende parole d’elogio per Zaniolo: “Nicolò è una mezzala, nell’arco di sei mesi è cresciuto tantissimo”. Sul tanto discusso arbitraggio di Abisso invece, ha espresso il suo giudizio ai microfoni di Nsl Radio Graziano Cesari, che ha dichiarato: “Impossibile non fischiare quel rigore per la Roma contro il Lecce”. Dall’altra sponda di Roma, arriva la clamorosa gaffe del presidente biancoceleste Claudio Lotito che commenta così gli episodi di razzismo: “Il buu si faceva anche ai giocatori con la pelle normale”.

INTRAMONTABILI – Francesco Totti continua a pennellare su quella tela magnifica che è il calcio. L’ex capitano giallorosso, ha debuttato nel campionato di calcio a 8 con la squadra che porta il suo nome, regalando giocate di classe sopraffina. Con lui gli amici di una vita, di una carriera gloriosa come Vucinic, Taddei, Candela e Tonetto. Dall’altra parte del mondo, un combattente come Daniele De Rossi, è pronto a riprendersi una rivincita personale nel superclassico contro il River Plate (calcio d’inizio alle 2:30 italiane, diretta Dazn).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy