Missione Juve, El Shaarawy scalda i motori. Spinazzola: “Quanti rimpianti per l’andata”

Il Faraone è tornato a lavorare a Trigoria. Intanto Danilo loda la Roma: ”Può puntare allo scudetto”. Match a Orsato

di Gianluca Viscogliosi

Fare risultato pieno con una big per chiudere un cerchio. Quello della maturazione, da squadra di grande prospettiva a realtà pronta e in lizza per gli obiettivi più importanti. La Roma punto dritto al match di sabato con la Juventus, una trasferta di Torino dura che può però aprire ai giallorossi scenari di altissima classifica. Lo sa bene Leonardo Spinazzola, passato per un breve e sfortunato periodo all’ombra bianconera della Mola, che ha ricordato con rammarico la gara dell’andata facendo anche un bilancio del momento: “E’ stata la gara che abbiamo buttato di più in tutto quanto il girone di andata, soprattutto quando eravamo in vantaggio numerico sopra di un gol. Mi ha lasciato molti rimpianti, ora serve continuità e mantenere equilibrio“. A raccogliere la sfida ci ha pensato Danilo, che ha lanciato la Roma presentandola come una delle pretendenti al trono del campionato: “Secondo me è una delle squadre più forti in Italia, hanno un buon allenatore e dei giocatori di qualità. Quindi sì, possono vincere lo Scudetto”.

LaPresse

El Sha accelera, Mayoral in vantaggio su Dzeko

 

In attesa del ritorno davanti ai microfoni di Fonseca, con la conferenza pre Juve fissata domani alle 16, il gruppo si è ritrovato oggi a Trigoria, con un Dzeko di nuovo sorridente e un El Shaarawy parzialmente in gruppo. Il Faraone è consapevole di dover ritrovare il ritmo partita, ma quello di oggi potrebbe essere un segnale per una possibile convocazione già nel delicato match di sabato. Nessun dubbio sulla chiamata per il bosniaco, che dovrebbe però partire dalla panchina con Borja Mayoral pronto a rimettersi sul petto i galloni da titolare. Con Pedro out e Pellegrini squalificato, servirà un Mkhitaryan tirato a lucido, che potrebbe anche beneficiare del duello di alta classe a distanza con Cristiano Ronaldo. I numeri infatti indicano che saranno loro i protagonisti più attesi: il portoghese e l’armeno, nonostante l’età e i chilometri nel motore, hanno preso per mano i compagni in questa prima parte di stagione e sabato saranno chiamati di nuovo ad alzare le marce.

Juventus, ansia Ramsey. Gara a Orsato

 

Mentre nella Capitale la Roma continua il suo impegno nel sociale e ufficializza una nuova partnership medica con la clinica Gut, a Torino è alta la tensione per i possibili forfait in vista della sfida con i giallorossi. In un centrocampo che sarà già privo di Bentancur, squalificato come Pellegrini, potrebbe venire a mancare anche il dinamismo di Ramsey. Il gallese non si è allenato neanche oggi in gruppo, al pari di Dybala, con tutte le riserve del caso che verranno sciolte domani dallo stesso Andrea Pirlo. Chi ci sarà sicuramente sarà un direttore di gara di grande personalità, Orsato di Schio, che ha diretto l’ultimo derby capitolino perso malamente dai giallorossi per 3 a 0. Dovrà essere lui a gestire la tensione classica da big match e quel nervosismo che potrebbe arrivare quando ad affrontarsi sono due squadre di alta classifica. Due squadre che il destino poteva far intrecciare con il nodo Allegri, il tecnico del passato da una parte e del probabile futuro dall’altra. Non però secondo i media spagnoli. L’allenatore livornese infatti rimarrebbe come primo e unico nome per la panchina del Real Madrid, qualora dovesse arrivare l’esonero per Zidane. Una concorrenza e un appeal quasi impossibile da battere.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy