Coronavirus LIVE, Liga sospesa, Bundes a porte chiuse. Premier League a rischio dopo il caso Arteta

Coronavirus LIVE, Liga sospesa, Bundes a porte chiuse. Premier League a rischio dopo il caso Arteta

L’emergenza epidemica è diventata mondiale. L’OMS ha dichiarato ieri la pandemia. Primi effetti in America: stop all’NBA. Si ferma anche il campionato belga

di Redazione, @forzaroma

Il coronavirus da ieri è diventato un tema mondiale. L’OMS ha dichiarato lo stato di pandemia, l’Italia ha fatto un altro passo verso il lockdown totale. Anche l’America ha iniziato a reagire: stop all’NBA dopo la positività di Rudy Gobert. E il calcio? In Italia e Svizzera è fermo, in Spagna quasi, ma l’Uefa prova a tutti i costi ad andare avanti. Per Roma e Inter si è pensato a far giocare gli ottavi di finale in una gara secca in campo neutro. Ma dopo l’annuncio del primo giocatore colpito da Covid-19 (Rugani), è tornato tutto in discussione. Ecco gli aggiornamenti minuto per minuto.

CRONACA LIVE

Ore 00.30 – La Federcalcio Belga ha scelto di fermare la Jupiler ProLeague fino al 3 aprile.

Ore 00.05 – La Premier League si incontrerà domani mattina per una riunione di emergenza con tutti i club per decidere se giocare o meno le prossime partite dopo il caso di Mikel Arteta, risultato positivo al COVID-19. Il campionato inglese adesso è a rischio sospensione. 

Ore 23.40 – Il Coronavirus colpisce anche la Premier League. Mikel Arteta infatti è il primo allenatore positivo al COVID-19. (leggi la news)

Ore 21.30 – Si ferma anche la Coppa Libertadores insieme alle qualificazioni sudamericane ai Mondiali del 2022. Lo ha reso noto, tramite un comunicato ufficiale, la Conmebol:

La Conmebol, per prevenzione dal Covid-19, per contrastare il rischio di espansione del virus e per la salvaguardia dei giocatori, degli staff, dei delegati, arbitri, dirigenti, stampa e tifosi, ha deciso di sospendere gli incontri della Libertadores 2020 della settimana tra il 15 e il 21 marzo 2020. Nelle prossime settimane si provvederà all’aggiustamento del calendario della competizione. Chiediamo ai club che seguano con diligenza i protocolli di prevenzione suggeriti dalle autorità competenti al fine di evitare la propagazione del virus”. 

Ore 20.00 – Il presidente del CONI Malagò torna a parlare: “In questo momento così delicato lo sport ha l’obbligo, il dovere di fermarsi. Posso dire che sono rimasto stupito del fatto che non si sia ancora deciso di fermare le varie Coppe“. (leggi la news)

Ore 19.50 – La Bundesliga non si ferma, ma le porte dei suoi stadi resteranno chiuse. E’ questa la decisione della Federcalcio tedesca in accordo con il governo. Il campionato di calcio in Germania, dunque, andrà avanti.

Ore 19.45 – La Liga spagnola preso atto dell’attivazione del protocollo coronavirus da parte del Real Madrid, a causa della positività di un giocatore della squadra di basket del club che si allena a Valdebebas assieme a quella di calcio, ha deciso di sospendere la La Liga de Primera e la Liga Segunda Divisòn almeno per le prossime due giornate. In conferenza stampa il presidente Rubiales ha dichiarato dichiarato: “Il 25 marzo torneremo a valutare la situazione e prenderemo nuove decisioni“.

Ore 19.40 – E’ arrivata in serata la decisione del governo britannico, in accordo con il comitato medico-scientifico. in merito alle gare di Premier League. Il campionato inglese continuerà a porte aperte e, per l’immediato futuro, proseguirà senza cambiamenti, né rinvii di calendario né restrizioni di pubblico.

Ore 18.30 – Il messaggio di conforto su Instagram di Juan Jesus per l’emergenza coronavirus: “Andrà tutto bene, forza amici!“. (leggi la news)

Ore 18.20 – Mario Balotelli parla della situazione della Serie A in una diretta Instagram: “Dovevano far tornare la Juventus in testa prima di fermare il campionato.Mi auguro che il campionato non riprenda, finché c’è anche un solo caso non dovrebbe riprendere nulla. Bisognava chiudere tutto subito, forse ne saremmo già venuti fuori. Di questo passo arriveremo al 2021 e avremo ancora il Coronavirus”. (leggi la news)

Ore 17.00 – Ufficiale i rinvii di City-Real Madrid e Juventus-Lione della prossima settimana. (leggi la news)

Ore 16.45 – La fiaccola olimpica per i Giochi di Tokyo 2020 è stata accesa nell’antica Olimpia, questa mattina, mentre la Grecia ha registrato il suo primo decesso per Coronavirus. In un evento chiuso al pubblico, dopo l’accensione della fiamma è stata lanciata come di consueto una staffetta che duererà per una settimana in Grecia, prima che la torcia venga consegnata agli organizzatori dei giochi olimpici a Tokyo il 19 marzo.

Ore 16.35 –  Dopo Timo Hübers, un altro caso di Coronavirus colpisce l’Hannover, squadra che milita nella seconda divisione tedesca: anche il terzino Jannes Horn è risultato positivo al tampone, come ha annunciato lo stesso club. Il club ha comunque deciso di mandare in quarantena per 14 giorni l’intera squadra e ha chiesto il rinvio delle partite contro Dynamo Desdra e Osnabrück.

Ore 16.30 – La federazione calcistica belga, per la Pro League, ha optato per le gare a porte chiuse fino al 31 marzo. (leggi la news)

Ore 16.10 – L’ATP, Association of Tennis Professionals, comunica lo stop di 6 settimane nel massimo circuito maschile

Ore 16.00 – Stop al calcio anche in Olanda: blocco fino al 31 marzo per l’Eredivise. Anche in Portogallo arriva lo stesso provvedimento per la Liga Nos

Ore 15.55 – Lettera all’UE da parte del Ministro Spadafora circa la problematica del Coronavirus: “Non è solo un problema italiano. L’Europa si faccia sentire”. (leggi la news)

15.51 – Secondo l’Equipe, l’Uefa il 17 marzo annuncerà sospensione delle competizioni europee e il rinvio di Euro 2020 (leggi la news)

Ore 15.15 – Secondo caso di positività in Serie A. Contagiato Manolo Gabbiadini della Sampdoria. L’attaccante era sceso in campo contro il Verona che sospende le attività agonistiche. (leggi la news)

Ore 14.20 – L’Uefa non ferma le competizioni: stasera si gioca l’Europa League. Per il 17 marzo convocata riunione con le 55 federazioni

Ore 13.35 – La Roma è pronta a inviare una lettera ufficiale all’Uefa con la richiesta di sospendere le competizioni europee

Ore 13.10 – Test del tampone anche per un giocatore della Lazio: esito negativo (leggi la news)

Ore 13.00 – La Uefa è pronta a sospendere Champions e Europa League (leggi la news)

Ore 12.50 – Il coronavirus colpisce anche la Formula 1. Positivo un membro della McLaren. Il team in quarantena

Ore 12.45 – La Roma dona 100.000 euro allo Spallanzani. 50.000 versati dal presidente Pallotta, altri 50.000 arrivati dalla fondazione Roma Cares. Aperta inoltre una raccolta fondi (leggi la news)

Ore 12.05 – Come era nell’aria anche la Liga è stata sospesa.

Ore 12.00 – Tutto il Real Madrid in quarantena dopo il caso di positività di un membro della squadra di basket

Ore 11.30 – “Uefa, ora molla quel giocattolo!”. Leggi il nostro editoriale

Ore 11.15 – La Roma ha annullato la seduta di allenamenti prevista per oggi. Domenica la ripresa (via alla news)

Ore 11.00 – Liga pronta a fermare le competizioni. Premier League verso le porte chiuse (via alla news)

Ore 10.44 – L’Inter dona 300.000 mascherine ad uso medico alla Protezione Civile per fronteggiare l’emergenza (via alla news)

Ore 8.00 – Prime contromisure in America contro il coronavirus. Stop all’NBA dopo la positività di Gobert.

Ore 7.50 – Roma in campo alle 11 per l’allenamento: messo a punto il piano sicurezza (vai alla news)

Ore 7.44 – La Serie A studia le mosse per il futuro. No dei club a playoff e playout. Si può ripartire il 2 maggio con slittamento della fine. Oggi vertice delle leghe (vai alla news)

Ore 7.34 – Nella concitazione di ieri l’Uefa ha proposto a Roma e Inter di autoescludersi dalle coppe. “No” dei due club (vai alla news)

Ore 7.34 – Il Ministro dello Sport Spadafora ha parlato a La Gazzetta dello Sport: “Ecco il nostro piano di aiuti” (via alla news)

Ore 7.15 – L’Uefa pensa al campo neutro per Roma e Inter in Europa League. Match secco da recuperare giovedì 19. Il caso Rugani però ha cambiato tutto. E intanto i giallorossi continuano ad allenarsi (vai alla news)

Ore 23.10 (11/03) – Rugani primo giocatore in Italia positivo al Covid-19. L’augurio della Roma: “Torna presto” (vai alla news)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy