Roma, la Samp per ripartire. Fonseca: “Zaniolo qui un professionista”, la mamma: “Sara, quante bugie”

I giallorossi contro Ranieri nella prima partita del 2021. Non convocati neanche Pedro e Calafiori (lesioni muscolari) e Fazio (problema al ginocchio). Olsen verso la Premier, Perez può partire

di Marco Prestisimone, @M_Prestisimone

Non sarà stata esattamente la vigilia tranquilla con cui Paulo Fonseca sperava di arrivare alla partita contro la Sampdoria, la prima del 2021. Da una parte gli infortuni che ora sono sempre di più (lesioni muscolari per Pedro e Calafiori, problema al ginocchio per Fazio: tutti fuori dai convocati ), dall’altra la questione Zaniolo. Il tecnico portoghese in conferenza stampa ha provato a gettare benzina sul fuoco: “Qui a Trigoria è un professionista, non parlo della sua vita privata”.

Ma nel pomeriggio è intervenuta proprio la mamma di Nicolò in diretta su Radio Radio, dove si è scontrata col giornalista di gossip Gabriele Parpiglia: “Non è vero che abbiamo cacciato Sara di casa. La loro era una storia finita, quando ha saputo della gravidanza dopo qualche giorno mio figlio ci ha chiamato disperato e siamo tornati a Roma. Ma lei già stava andando via”. Una brutta storia, probabilmente destinata a non finire qui. Con buona pace dell’agente Claudio Vigorelli, che ha cercato di ricondurre tutto alla vita sportiva: “Nicolò era provato, ora deve cercare di concentrarsi solo sul recupero. Ma si prenderà tutte le responsabilità da padre”.

Roma-Sampdoria, la probabile formazione. E ora il mercato di Pinto

 

Quel che conta di più per la Roma e per Fonseca però è la Sampdoria di Ranieri. Senza Mirante in porta toccherà a Pau Lopez, con Mancini-Smalling-Ibanez in difesa. In mezzo al campo Veretout e Villar, con Karsdorp e Peres esterni. Davanti intoccabili Mkhitaryan e Dzeko, con loro avanzerà Lorenzo Pellegrini.

Poi però comincerà ufficialmente l’era Pinto: il dirigente della Roma arriverà nella capitale nelle prossime ore e come ha confermato Fonseca in conferenza, ha già cominciato a lavorare per il club giallorosso. Olsen è una richiesta di Ancelotti e già a gennaio potrebbe arrivare l’accordo a titolo definitivo, magari in uno scambio con Bernard. Se così non fosse, l’alternativa sulla trequarti può essere Zaccagni, con la Roma che dirotterebbe Jesus al Verona. Resta sempre viva l’idea El Shaarawy, che piace anche alla Fiorentina. Chi può lasciare in anticipo è Carles Perez, che non sta trovando lo spazio che avrebbe immaginato una volta lasciato il Barcellona: non è da scartare l’ipotesi di un ritorno – in prestito – in Spagna. Guai in Inghilterra per l’ex romanista Lamela: ha partecipato a un party natalizio con Lo Celso e Reguilon, violando le norme anti-covid e facendo irritare non poco il Tottenham e Mourinho. Le scuse basteranno?

LaPresse

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy