Zaniolo, parla mamma Francesca: “Ecco la verità su Sara. E non approvo Madalina”

“Volevamo agire per vie legali, ma siamo dovuti intervenire. Nicolò si prenderà le sue responsabilità da padre”. L’agente: “Ho letto sconforto e amarezza negli occhi del ragazzo”

di Redazione, @forzaroma
Zaniolo e mamma Francesca

Nicolò Zaniolo ha fatto molto parlare di sé nel corso degli ultimi giorni. I motivi non sono strettamente legati alle sue prestazioni sul campo, bensì alla vita sentimentale del giovane centrocampista della Roma, condizionata da una serie di eventi accaduti in rapida successione.

Nella giornata odierna sono state ripercorse, attraverso un lavoro giornalistico e di ricostruzione avvenuto sulle frequenze di Radio Radio, le varie vicende. Ad aprire il “vaso di Pandora” è stata la notizia della relazione tra lo stesso Zaniolo e la showgirl Madalina Ghenea, che ha di fatto significato di conseguenza anche la fine della relazione tra il giocatore e la sua ex fiamma storica Sara Scaperrotta.

*Ascolta l’audio dell’intervista a Francesca Costa, mamma di Zaniolo, e Claudio Vigorelli su Radio Radio*

Soltanto qualche giorno dopo, un’altra news scuote la vita di Nicolò: Sara è incinta e, nonostante un amore ormai finito, decide di tenere il bambino. Zaniolo non indietreggia e, nonostante le sue iniziali remore, si assume le proprie responsabilità di padre. Tutto concluso? Macché. La famiglia di Sara, tramite le dichiarazioni della zia, alza la voce: fa venire alla luce un precedente aborto, pretende “giustizia” e accusa Zaniolo di essere fuggito, abbandonandola al proprio destino.

Una situazione che meritava i dovuti chiarimenti del caso: la madre del giocatore Francesca Costa e il suo procuratore Claudio Vigorelli hanno provato ad esporre nel migliore dei modi la loro versione dei fatti, condivisa anche con il centrocampista giallorosso. Ecco le loro parole.

VIGORELLI A RADIO RADIO

“La storia di Nicolò e Sara è la storia di tanti ragazzi che a volte vivono storie d’amore veloci e magari superficiali. Questa fa clamore perché c’è Zaniolo che è un giocatore talentuoso e fa molta notizia. Le cose di cui sono a conoscenza sono cose che succedono nelle storie che si vengono a interrompere, quello che Nicolò ha esternato da subito quando stava diventando di dominio pubblico il discorso della maternità, è stato di uscire allo scoperto. La dichiarazione del 30 dicembre è frutto di un lavoro di team, ci siamo confrontati e lui ha voluto esternare il suo sentimento verso questa questione. Siamo caduti nel cattivo gusto, gradirei che certe cose restassero tra le famiglie, col buon senso di entrambi troveranno una soluzione.

Non vorrei arrivare a toni che non mi competono e ai quali non sono abituato a scendere. Le colpe se ci sono e ci saranno andranno condivise. È stato un amore tra due ragazzi forse immaturi, il resto deve restare nel privato. Le famiglie risolveranno tutto. Negli occhi di Nicolò ho visto sconforto, amarezza, spavento. La situazione gli è sfuggita di mano, ma ha voluto dimostrare che lui c’è e per qualsiasi cosa sarà al fianco di Sara”.

“Mi hanno fatto piacere le parole di Fonseca, lui ora deve tornare a pensare al calcio. I social sono un male necessario, facciamo gli agenti con atleti importanti e quello dei social è un tema da gestire bene. Irritazione della Roma? Non ho ricevuto nessuna chiamata, anzi vicinanza e sostegno dalla dirigenza. Non ho informazioni diverse. Come si gestisce un giocatore così? Creandogli un team intorno che gli permetta di fidarsi di chi ha vicino. Lavoriamo tutti per valorizzare il suo grande talento riconosciuto non solo in Italia ma in tutto il mondo. Piano piano deve diventare più uomo: vive questa popolarità in maniera un po’ immatura”.

 

LaPresse

FRANCESCA COSTA A RADIO RADIO

“È un polverone dal quale non volevamo uscire in questo modo. Volevamo agire per vie legali sulle dichiarazioni della fantomatica zia. Nicolò non fa gossip e non ci interessa farlo sotto questi aspetti televisivi e giornalistici. Volevamo mantenere un’altra linea. Ma sentendo questa ulteriore uscita dei giornalisti non me la sono sentita di stare zitta. Soprattutto quando si dice che la famiglia non è vicina a Nicolò o che gli dà cattivi consigli. Sara è sempre stata trattata come una figlia, soprattutto da me. Non l’abbiamo cacciata di casa, vorrei che lei o chi per lei venisse da noi a dirci in faccia che l’abbiamo trattata in questo modo.

Quando Nicolò ci ha scritto che stavano aspettando un bambino, siamo scesi a Roma. Lui lo sapeva da una decina di giorni, siamo corsi a Roma perché era disperato. Discuteva con Sara perché in quei giorni ha capito di non essere più innamorato di lei e non voleva stare con questa ragazza. Quando siamo arrivati giù Sara era già pronta per andarsene con le borse, abbiamo parlato in un modo tranquillissimo.

Ha detto che sarebbe andata dal ginecologo, mi sono offerta di accompagnarla. Tra di loro la situazione era brutta, si erano lasciati e lui non se la sentiva di stare con lei. Le ho detto che sarei andata con lei dal medico. Quella sera le scrivo per organizzarci, lei mi ha detto di no e che sarebbe andata da sola. Ho messaggi anche io, le ho scritto di non volerla assillare e di chiamarmi una volta finita la visita. Mai più sentita. La sera dopo è venuta a prendersi le sue cose col padre e col fratello, ha preso i suoi effetti personali e poi è andata via. La casa doveva rimanere a Nicolò perché deve continuare il suo lavoro, nessuno l’ha cacciata di casa. È lei che ha bloccato Nicolò, poi lui ha bloccato lei su Instagram, non è su queste cose che si basa un rapporto di un padre e una madre, non c’entra Instagram. Ma sarà il nervosismo del momento. Mio marito ha parlato col padre di Sara per sapere come stesse.

È vero che Sara ha abortito sette mesi fa, ci sono state delle situazioni non piacevoli. Si erano lasciati, ma Sara un mese prima che sapessimo che era incinta, mi ha detto: “Per fortuna che l’altra volta è andata così, Nicolò non è facile da gestire. Non eravamo ancora pronti”. Io per cinque mesi non ci sono stata, mio figlio si è reso conto che non riusciva ad andare d’accordo con lei e lei con lui. Lui ha un caratterino niente male, è impegnativo da gestire e anche lei.

I primi messaggi tra lui e lei non li conosco, lei dice che lui era contento di avere un figlio. Ma penso sia stata l’euforia di un momento, altrimenti non ci chiama disperato chiedendoci di venire da La Spezia. Si è accorto di una cosa più grossa di lui, ma questo non rinnega il fatto di preoccuparsene, di occuparsene e di dare l’affetto di un padre. Le responsabilità che vuole prendersi non sono quelle che dice la zia. È una cosa che due ragazzi non hanno gestito al meglio, ma se fosse successa a un ragazzo comune non avrebbe avuto questo clamore.

Inveiscono tutti su una cosa: non abbiamo cambiato casa per scappare da Sara o avevamo paura di qualche sua presenza sotto casa. Sara, se parliamo di messaggi, ha gli sms di mio marito che le manda le foto della nuova casa chiedendole se poteva piacerle. Era il secondo infortunio in quella casa, per una questione di superstizione abbiamo cambiato. Così come si è operato in Austria anziché a Roma. Sara lo sapeva benissimo, sarebbero dovuti andare loro a vivere lì. Poi tra loro è finita ma noi abbiamo cambiato lo stesso. Sono dichiarazioni false, non volevamo dirlo in maniera diretta ma volevamo andare per vie legali. Sono dichiarazioni anonime, questa è una zia che non so chi sia.

Interviene Gabriele Parpiglia: “Una domanda sola: da quant’è che erano in crisi? Che ha postato suo figlio il 5 dicembre? Lei si è tradita, si può riascoltare… Dovete far calare il silenzio, non dovrebbe neanche intervenire in radio”

Mamma Francesca: Che io sappia da qualche settimana. Il giorno preciso non lo so. Ai fini della storia mio figlio ha detto che non la amava più. Perché lei non dice che ha scritto una stupidata quando ha detto che ci siamo nascosti? Sara ha le foto della casa. Questo è gossip spicciolo, vuole uno scontro così. Lei verrà querelato, faccia pure gossip. Tutte le dichiarazioni di Nicolò sono state fatte in presenza del suo agente. Quelle di Parpiglia sono notizie false… e poi mi si dice che Nicolò deve restare fuori dai social? Le dichiarazioni di Sara o della zia non dipendono da lui.

È un ragazzo di 21 anni, ci distacchiamo dalla relazione con Madalina .Noi non siamo d’accordo con la relazione che sta avendo con questa donna, che è poco più piccola di me. Cerchiamo di farlo ragionare, purtroppo è uscita e non possiamo farci nulla. L’infortunio implica uno status psicofisico sereno e tutto questo non lo sta creando. Quando le cose saranno più tranquille si cercherà di recuperare il rapporto con Sara per il bambino, che in questo non c’entra nulla. Abbiamo paura che gli vogliano rovinare la carriera. La gente parla ma non sa tante situazioni“.

 

 

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. cpg35600 - 3 settimane fa

    Da psicologo sociale, ritengo che non si faccia del bene a Zaniolo mettendo in risalto i suoi problemi non attinenti al calcio. Se il giovane è maggiorenne, sarebbe opportuno per la stampa, in generale, non prendere in considerazione gli avvenimenti personali,estranei allo sport, che potrebbero pregiudicare il futuro del giovane. Lo stesso discorso è applicabile a questa spettabile redazione che si è sempre distinta, dando la notizia(senza particolari) e al di sopra delle parti. Grazie per l’attenzione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy