Fienga a Londra per la nuova Roma. E Pedro scalpita: “Felice di essere qui”

In porta torna di moda l’idea Perin, mentre il Leverkusen punta Schick. Due positivi al Covid nella Primavera di De Rossi

di Gianluca Viscogliosi

Dopo le firme, i comunicati e le dichiarazioni, nelle prossime ore si passerà ai fatti. Quelli che serviranno per costruire la nuova Roma. Lo sa bene Guido Fienga, designato anche dalla nuova proprietà come pietra angolare su cui rilanciare le ambizioni del club. E proprio per questo il Ceo romanista sarà domani a Londra per incontrare Ryan, lo scalpitante rampollo di casa Friedkin pronto a diventare subito protagonista della storia della Roma. Tra le vie britanniche però Fienga potrebbe incrociare il passo con Fabio Paratici e magari intavolare vecchi discorsi di mercato tra Zaniolo, Dzeko, Perin e Romero. “Riparta da ciò che abbiamo costruito“, l’augurio di Pallotta per il suo successore, una speranza trasversale arrivata ieri anche da Rosella Sensi. Ad aprire le porte della Capitale a Friedkin ci ha pensato oggi Mauro Balata, il presidente della Lega Serie B: “Una nuova importante compagine internazionale si interessa al calcio italiano e ne entra a far parte. In bocca alla lupa”. 

Pedro scalpita: “Felice di essere a Roma”

Ieri l’arrivo in sordina tra il closing e le attenzioni rivolte tutte nel centro città, oggi invece Pedro si è preso maggiormente la scena nella quotidianità romanista. Arrivo di buon ora a Villa Stuart per lo spagnolo, che si è presentandosi insieme alla fidanzata intorno alle 8.00 per la radiografia e la visita specialistica alla spalla, dopo l’operazione per l’infortunio rimediato in finale di FA Cup contro l’Arsenal, nella sua ultima partita col Chelsea. Il sorriso dietro la mascherina e poche parole, le prime da calciatore romanista: “Sono felice di essere a Roma“. Ma la clinica romana è stato oggi anche lo scenario – è il caso di dirlo – per alcune riprese di “Speravo di morì prima” la serie tv che sarà incentrata sugli ultimi due anni di carriera da calciatore di Francesco Totti. A Villa Stuart era presente infatti Gianmarco Tognazzi, che vestirà nella serie i panni di Luciano Spalletti. Uno dei centri della fiction sarà sicuramente Trigoria, il centro sportivo giallorosso che sarà blindato fino a lunedì a causa della positività al Covid di due calciatori della Primavera.

Voeller chiama Schick. E Pau Lopez sempre più in bilico

Il calciomercato romanista del prossimo futuro difficilmente prescinderà dalla sostituzione di Pau Lopez. Uno dei nomi a tornare in auge è quello di Mattia Perin: complici anche i buoni rapporti tra la Roma e la Juventus l’estremo difensore potrebbe essere un’opzione più che valida, rientrando così nel novero degli affari tra giallorossi e bianconeri. Pau Lopez potrebbe così ritrovare tranquillità in patria: il Valencia lo chiede in prestito, ma la formula non convince la Roma. Monetizzare il più possibile dalle cessioni sarà un obbligo e da questo punto di vista sono attesi aggiornamenti importanti sull’asse Under-Napoli, con gli azzurri che vorrebbero inserire Maksimovic nella trattativa per abbassare la parte cash da versare nelle casse romaniste. Su Schick invece potrebbe arrivare un assist inaspettato dall’amato ex Rudi Voeller. L’attuale diesse del Leverkusen sta pensando al post Havertz, sempre più diretto verso il Chelsea, e il ceco potrebbe fare al caso della Aspirine. Trenta milioni, questa l’offerta del Bayer. Soldi freschi per far respirare le casse romaniste.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy