De Rossi: “Tornerò a Roma”. Fonseca apre alla difesa a tre. Dzeko ricorda: “Convinto da Sabatini”

Intanto Totti consiglia a tutti di rimanere a casa. Sul mercato Florenzi piace al Siviglia di Monchi. In entrata si monitora Thomas dell’Atletico

di Gianluca Viscogliosi

Ricordi, amarcord ed emozioni. Nel frullatore della giornata giallorossa c’è stato un mix particolare di stati d’animo, a cui ha contribuito soprattutto il solito Daniele De Rossi. “Mi sono trasformato da un calciatore vecchio a un allenatore giovane. Sono rilassato e sto vivendo così questo momento, qualcosa che da calciatore non mi potevo permettere”. Queste le sue parole nell’intervista fiume a Sky Sport, riflessioni che fanno capire anche gli obbiettivi per il futuro: “Mi piacerebbe sedermi sulla panchina della Roma, ma non ho fretta di farlo accadere. Penso, presumo e spero che un giorno succederà, ma dovrà succedere perché sono diventato un bravo allenatore e non perché sono stato un calciatore importantissimo di questa squadra”. Intanto DDR prosegue la quarantena casalinga circondato dai familiari e dal popolo social sempre presente, un po’ come Francesco Totti. Quest’ultimo, nell’ennesima diretta Instagramha voluto ribadire il concetto sulla solidarietà e sull’attenzione da utilizzare in questo particolare momento storico: “Abbiamo fatto uno sforzo di un mese e mezzo, non si può vanificare tutto. Ci sarà tempo per andare al mare”.

FASCIA – Da un capitano all’altro insomma, in un passaggio virtuale di fascia dal passato al presente. Un presente tutto bosniaco targato Edin Dzeko. “Sabatini venne a trovarmi in Croazia e mi disse che non se ne sarebbe mai andato senza di me. Mi convinse a scegliere la Roma. Poi l’arrivo nella capitale con tutti quei tifosi, un’accoglienza incredibile“, ha ricordato l’attaccante ripercorrendo la tappe più importanti della sua vita e della sua carriera. Un percorso, giallorosso sin dal principio, fatto di amicizie importanti come quella con Kolarov e di grandi tecnici come Magath Mancini, fino ad arrivare a Paulo Fonseca. E sull’attualità romanista si è concentrato proprio il portoghese, non escludendo una novità tattica per il futuro: “Penso di poter utilizzare la difesa a tre in futuro, perché può anche essere fatto in maniera offensiva. Inoltre è importante nella marcatura preventiva”. Chissà se nel progetto tattico ci sarà sarà spazio per Pastore, un Flaco emozionato e pensieroso nella diretta Instagram in cui ha ricordato soprattutto le esperienze passate al Talleres, all’Huracan, al Palermo di Sabatini e Delio Rossi e al PSG con l’ex Roma Menez.

RIPRESA – Con il tour de force ipotizzato dai vertici federali per la ripresa della Serie A stoppato costantemente dal governo. la Roma tiene sotto controllo sia il presente ma soprattutto il futuro. Con tutte le implicazioni di mercato del caso. In entrata i giallorossi iniziano a pensare al ghanese dell’Atletico Thomas: clausola rescissoria da 50 milioni e concorrenza altissima da molti club di mezza Europa. Tra questi lo United, con cui Petrachi dovrà risolvere la questione legata a Smalling, sebbene l’ultimo borsino non porti indicazioni molto positive. Ci sarà anche da capire i margini di manovra per il riscatto di Mkhitaryan, fondamentale nell’ultimo scampolo di campionato pre Coronavirus, e il destino di Florenzi. Alle porte di Trigoria potrebbe bussare il grande ex Monchi, rimasto da sempre estimatore dell’ex numero 24 della Roma.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy