Roma, domani c’è il Lecce. Fonseca: “È un anno zero, senza Champions non è fallimento”

Roma, domani c’è il Lecce. Fonseca: “È un anno zero, senza Champions non è fallimento”

Il tecnico prova a spingere i suoi verso il ritorno al successo in campionato e “coccola” Pellegrini: “Domani gioca, ma deve capire i suoi errori”. Diawara ancora out, Friedkin lavora allo stadio e si avvicina alla firma. Carles Perez: “Qui per diventare grande”

di Marco Prestisimone, @M_Prestisimone

Più di un mese dall’ultima vittoria della Roma in campionato. Era il 19 gennaio a Marassi contro il Genoa e da quel momento sono arrivate tre sconfitte e un pareggio nel derby. Per questo Fonseca, dopo il successo contro il Gent in Europa League che ha comunque evidenziato i difetti dei giallorossi, vuole tornare a vincere anche in Serie A. Per farlo dovrà battere il Lecce di Liverani, una delle squadre più in forma del campionato. Nella vigilia il tecnico portoghese però allenta la pressione sui suoi in conferenza stampa: “L’abbiamo già detto, per noi è un anno zero con tanti cambiamenti. Non arrivare in Champions non sarebbe un fallimento. Klopp il primo anno al Liverpool è arrivato ottavo, Inzaghi e Gasperini sono da tanti anni con Lazio e Atalanta…”.

SCELTE – Contro i salentini ci sarà comunque Lorenzo Pellegrini nonostante il momento tutt’altro che felice sottolineato anche dai fischi dell’Olimpico giovedì: “Non è nascondendolo che lo aiutiamo, domani giocherà. Però deve capire i suoi errori e cosa sbaglia”. Conferma anche per Kolarov (“ha le caratteristiche giuste per il Lecce”) mentre sono in arrivo altri “tre o quattro cambi”. Difficile che resti fuori Carles Perez, apparso il più in forma in Europa League: “Il Barcellona mi ha tolto un sogno senza motivole sue parole al Mundo Deportivoma giocare lì mi ha permesso di arrivare a Roma e per questo sono contento. Voglio diventare un grande giocatore qui. La discoteca? Capisco la rabbia dei tifosi e mi dispiace, devono sapere che sono venuto qui per lavorare”. A Trigoria lunga rifinitura tattica, poi dopo la conferenza sono arrivati anche i convocati: non c’è in lista Diawara, che continua a migliorare ma non così tanto da poter giocare, e Juan Jesus mentre ce la fa Cetin. Vigilia difficile per Liverani e il suo Lecce: “Non pensiamo a una Roma stanca, sono abituati a giocare tre partite in una settimana”, le parole dell’allenatore. I salentini sono praticamente senza attacco con il solo Lapadula disponibile (out Falco, Saponara, Farias e Babacar).

PASSATO E FUTURO – Novità sul fronte stadio: Friedkin a dicembre è stato in Qatar per lavorare al dossier e intrecciare rapporti per future collaborazioni. Si avvicina intanto la firma del preliminare, attesa nelle prossime settimane. Avrebbe voluto esserci, nel nuovo stadio, Rudi Garcia, prossimo avversario negli ottavi di finale di Champions contro la Juventus: “La Roma è rimasta nel mio cuore. De Rossi sarà un grande allenatore, Totti meritava un’uscita con più trasparenza”. Vecchia conoscenza anche Julio Sergio, che è un ex sia dei giallorossi che del Lecce: “Ho detto no al PSG per andare in Salento, ma non sono riuscito a dare il mio contributo. I tifosi della Roma mi rispettano per il professionista che sono stato”. Giornata particolare per l’ex Imperatore Adriano: in Brasile sono iniziate a circolare delle voci che parlavano di una sua presunta uccisione a Rio de Janeiro. Ci ha pensato proprio l’ex attaccante a smentirle pubblicando due foto sul suo account Instagram: “Sono vivo, gente. Sono a casa”. l’obiettivo può essere il terzino Saka dei GunnersChiusura con radio mercato: giovedì osservatori della Roma ad Atene per la partita tra Olympiakos e Arsenal: .

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy