Fonseca-Dzeko, è tregua (armata). Pinto: “Ora Edin non è capitano”. Pedro, la Juve è lontana

Squadra a lavoro a Trigoria: lo spagnolo si allena a parte, praticamente impossibile recuperarlo per sabato. Primavera, delusione in Coppa Italia: al Tre Fontane passa il Verona

di Iacopo Erba

E pace fu, almeno per il momento. Per quanto la sensazione sia quella della fine di una battaglia, con l’epilogo della guerra ancora tutto da delineare, oggi a Trigoria è tornato il sereno tra Edin Dzeko e Paulo Fonseca. Un confronto proficuo e sereno, quello tra i due litiganti, che hanno trovato una via per rimettere insieme i pezzi di un rapporto mai definitivamente sbocciato ma che, per il bene della Roma, dovrà andare avanti fino a fine stagione. Una stretta di mano orchestrata in parte anche da Tiago Pinto, il grande protagonista della giornata giallorossa.

LaPresse

Pinto dice tutto: dalla fascia tolta a Dzeko alla fiducia a Fonseca

 

Il gm portoghese si è preso la scena in conferenza stampa, mantenendo la promessa fatta qualche giorno fa. “A fine mercato vi dirò tutto”, tagliava corto a dopo il rientro dalla tappa a Milano per sondare il terreno riguardo varie piste di mercato. Pinto ne ha riparlato anche oggi: “Sono deluso per le mancate uscite. Scambio Dzeko Sanchez? Marotta ha pienamente ragione su tutto”. Niente trattativa, dunque: Edin resta e “sarà importante, ma ad oggi non sarà più il capitano”, specifica il capo dell’area sportiva giallorossa.

Ribadita in toto, invece, la fiducia a mister Fonseca: “E’ il nostro leader, mai contattati altri allenatori. Chiosa anche su El Shaarawy e Reynolds, i due volti nuovi della stagione: Stefan ha voluto fortemente essere qui. Bryan un gioiello da raffinare”. I due oggi sui campi di Trigoria hanno lavorato individualmente: in ritardo di condizione, saranno entrambi out contro la Juve. Improbabile che a Torino possa esserci Pedro, che anche oggi ha proseguito lavoro differenziato così come Smalling. Ancora ai box Zaniolo. La Roma sfiderà i bianconeri con tante assenze pesanti e una maglia speciale, che commemora i 150 anni da Capitale della Città Eterna.

LaPresse

Delusione Primavera: è fuori dalla Coppa Italia

 

Per una Roma che sul campo dovrà dimostrare di aver fatto il salto di qualità ce n’è un’altra che ha smarrito se stessa. La Primavera di Alberto De Rossi non replica l’exploit in campionato contro il Torino ed esce sconfitta 2-1 al Tre Fontane con il Verona: l’obiettivo Coppa Italia sfuma appena agli ottavi di finale. Per i giovani giallorossi si tratta della seconda sconfitta dalla ripresa delle ostilità nei campionati giovanili: urge prima possibile un ritorno ai fasti del passato.

Da chi deve ritrovarsi a chi vuole ricominciare voltando pagina. Francesca Fioretti, ex fidanzata del compianto Davide Astori, ha ritrovato la felicità sentimentale: la modella è stata pizzicata in compagnia dell’ex romanista Kolarov. A voltare pagina, presto, sarà anche il Paese: lo guiderà Mario Draghi, prossimo presidente del Consiglio e vecchio cuore giallorosso. Nella speranza che torni la pace, anche se momentanea, come successo alla Roma.

LaPresse
0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy