Fonseca e Pellegrini sicuri: “E’ importante finire la stagione”. E Gotze apre alla Serie A

Per il futuro la Roma monitora anche Kovalenko, Tete e Marcos Antonio. Di Francesco nostalgico: ”Riguardo la cavalcata Champions”

di Gianluca Viscogliosi

Bisogna sapere quando ricominceremo il campionato e quando comincerà la prossima stagione. In poco tempo saremo pronti per iniziare a giocare“. A garantire è Paulo Fonseca in prima persona, direttamente da Sky Sport. Il tecnico romanista infatti si è concesso per fare il punto della situazione in questo difficile momento di stop forzato a causa dell’emergenza sanitaria: “E’ difficile dire se la stagione riprenderà presto, la salute di tutti è la cosa più importante. Giocare in estate? Se ci sono le condizioni è importante finire il campionato”. Poi la sottolineatura su Pellegrini, un futuro da predestinato già previsto da Francesco Totti: “Lorenzo ha il carattere forte che serve per fare il capitano. Ora abbiamo Dzeko, ma in futuro Lorenzo può farlo“. E se Paulo chiama Lorenzo risponde: “Come ho dichiarato tante volte vedo nella Roma una crescita costante, soprattutto a livello di valori e umanità. Mi auguro che il mio percorso di crescita possa essere parallelo a quello della società, per questo credo che io e la Roma possiamo continuare a crescere insieme per toglierci delle soddisfazioni“. Queste le dichiarazioni del numero 7 romanista, che poi ha dato la sua chiave di lettura sullo scottante tema riguardante il taglio degli stipendi: Siamo in costante contatto con la società che ci tiene aggiornati su tutte le riunioni e decisioni che si stanno prendendo. Questo però è ancora un argomento che preferisco mantenere riservato“.

DUBBI – Continua a predicare cautela sull’argomento anche Damiano Tommasi: “Sul taglio degli stipendi si fa tanta demagogia. I calciatori faranno la loro parte“. Anche perché, ha aggiunto il presidente AIC, “la salute di tutti rimane la nostra priorità, come la tutela dei tesserati di tutte le categorie“. Prosegue però l’incertezza sulla ripresa del campionato, con il grande dubbio su chi potrebbe essere avvantaggiato quando le ostilità dovessero ricominciare. “Non credo che Fonseca possa avere un vantaggio“, ha ammesso a forzaroma.info Massimo Carrera, “la sua esperienza in Ucraina lo ha abituato ai lunghi stop, ma ora è diverso“. Continua invece il grande impegno del club giallorosso e dei suoi tesserati a sostegno della lotta contro il Coronavirus. Di oggi infatti il ringraziamento dell’Istituto Spallanzani a Pellegrini e agli ex El Shaarawy e Nainggolan, che si sono schierati da subito in prima linea al fianco dell’ospedale. Dalla Grecia poi è arrivata anche la solidarietà all’amato popolo italiano di Torosidis, che da lontano dimostra sempre grande vicinanza. Come Alessandro Florenzi, che sui social si è divertito a coinvolgere gli ex compagni con un quiz per distrarli dalla quarantena. Metodi diversi per Eusebio Di Francesco, che in questo momento di isolamento sta riguardando con più attenzione la straordinaria cavalcata Champions della sua Roma.

ORIZZONTE – Dal passato al futuro. Perché nonostante lo stop la programmazione non può fermarsi. E chissà se dalla Germania potrebbe arrivare l’aiuto calcistico per Fonseca. Sempre più insistenti infatti sono le voci dell’addio di Mario Gotze al suo paese e, secondo l’autorevole Bild, il calciatore avrebbe già dato la sua disponibilità a trasferirsi in ItaliaIl grande problema resterebbe l’ingaggio, visti gli 8 milioni di euro a stagione guadagnati al momento dal tedesco. Chi allontana momentaneamente la Roma è invece Bernard, che sui social ha etichettato come ‘bugia’ l’indiscrezione di un suo trasferimento nella Capitale. Più verosimili invece le voci che vorrebbero un Gianluca Petrachi particolarmente attratto dai gioielli dello Shakhtar Kovalenko, Tete e Marcos Antonio. Un tris di diamanti che Fonseca conosce benissimo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy