Roma, si inceppa anche il mercato: in salita i riscatti di Smalling e Mkhitaryan

Lo United chiede 25 milioni per il centrale, per l’armeno no allo scambio alla pari con Kluivert. Si riparla di Vertonghen, ma occorre definire durata e ingaggio

di Redazione, @forzaroma

Si complica il riscatto di Smalling. Sembrava tutto incanalato per il verso giusto, dalla volontà del ragazzo, la formula dell’operazione (rinnovo del prestito con obbligo di riscatto posticipato alla prossima stagione). Bisognava ‘soltanto’ trovare un’intesa sui soldi: venti milioni la richiesta degli inglesi, dodici la proposta dei giallorossi che in mano hanno il ‘sì’ dell’inglese. Come racconta Stefano Carina su ‘Tuttosport’, poi un altro club ha proposto 25 milioni per Smalling e a quel punto i Red Devils venerdì hanno chiesto la stessa somma alla Roma, che ha risposto negativamente. E così, in poche ore – grazie all’operato di Baldini – sono stati riallacciati in fretta e furia i rapporti con lo svincolato Vertonghen, offerto anche a Napoli e Inter.

Il centrale del Tottenham guadagna tre milioni più un bonus di ulteriori 1,5 che scatta alla quindicesima presenza. Baldini è pronto ad offrire 3 milioni più bonus per due anni più uno mentre la richiesta è di un triennale. Altro nodo il premio alla firma: gli agenti di Vertonghen chiedono 5 milioni, la Roma può arrivare alla metà. Non solo, perché si è complicato anche il riscatto di Mkhitaryan: la Roma e Raiola avevano pensato a uno scambio con Kluivert, con l’olandese valutato circa 40 milioni e l’armeno la metà. Ma l’Arsenal chiede uno scambio alla pari, inaccettabile per i giallorossi.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy