Roma, l’avvio sprint è un’abitudine: negli ultimi 4 anni mai sotto i 26 punti nelle prime 12 giornate

Ben 32 i punti conquistati nel primo anno di Garcia, 28 nel secondo e 26 nel terzo: nelle ultime 4 stagioni le buone partenze in campionato sono una costante della squadra giallorossa

di Francesco Balzani, @FrancescoBalza8

Chi ben comincia è a metà dell’opera. Oppure: il buongiorno si vede dal mattino. Di proverbi sui “buoni inizi” è pieno il mondo, e la Roma nelle ultime 4 stagioni li ha ascoltati attentamente e messi in atto nella vita reale. Per dimostrarlo basti pensare che i 26 punti fin qui accumulati da Spalletti in 12 partite e il secondo posto a -4 dalla Juventus capolista rappresentano il bottino più misero dal 2013 ad oggi.

L’ANNO DEI RECORD – Nel primo anno di Rudi Garcia, e quindi nella stagione delle 10 vittorie di fila nel 2013-2014, la Roma ha messo in cascina la bellezza di 32 punti che sarebbero potuti essere 36 senza le sviste arbitrali che hanno obbligato Totti e compagni al pareggio contro Torino e Sassuolo. Quella squadra, formata tra gli altri da Benatia, Gervinho e Strootman, alla 12° giornata era prima a +4 su Juve e Napoli. Ventisei i gol, quindi tre in meno rispetto alla Roma attuale. Ma solo 3 quelli subiti mentre quest’anno sono già 12. Dalla 13° giornata a Natale arriveranno solo 9 punti in 5 partite. Alla fine la classifica reciterà: Juve prima con 102 punti e Roma al secondo posto col record della sua storia: 85.

AVVIO SPRINT FRENATO DA ROCCHI – Il secondo anno di Garcia non è andato tanto peggio nelle prime dodici giornate: 28 i punti ottenuti dal tecnico francese. E anche stavolta Rudi può recriminare per la sconfitta di Torino con la Juve per 3-2 determinata dalle sviste arbitrali di Rocchi. Nonostante questo però la Roma riuscì a vincere 9 gare, pareggiarne una (con la Samp) e perdere al San Paolo. Ventuno i gol fatti, sette quelli subiti. La Roma è seconda a -3 da una Juve irresistibile. In questo caso la squadra giallorossa riuscirà a mantenere un ritmo scudetto nelle successive 5 partite accumulando 11 punti e balzando addirittura in testa a +1 sui bianconeri prima di un girone di ritorno non all’altezza. Alla fine sarà ancora: Juve in testa e Roma seconda a – 17.

VENTISEI PUNTI PRIMA DEL CROLLO – Anche nel tanto vituperato terzo anno di Garcia i numeri sorridono all’alba per la Roma. Dopo dodici giornate, infatti, i giallorossi hanno 26 punti e sono freschi dalla vittoria nel derby contro la Lazio. Il 2-0 ad opera di Dzeko e Gervinho riporta la Roma a -1 dalla vetta occupata da Fiorentina e Inter e persa una settimana prima proprio a causa della sconfitta contro i nerazzurri a San Siro. Il percorso fino alla dodicesima è stato comunque parecchio lunatico tra la vittoria contro Fiorentina e Juve e i pareggi con Verona e Sassuolo. Gol fatti: 27, quindi in linea coi numeri di quest’anno. Gol subiti: 13. E anche qui ci siamo. Dopo la sosta di metà novembre il crollo: 6 punti in 5 gare e il preludio all’esonero di Garcia. La Roma terminerà il campionato al terzo posto dietro Napoli e Juve.

2013-2014

Punti: 32
Posizione in classifica: 1°
Gol fatti: 26
Gol subiti: 3

2014-2015

Punti: 28
Posizione in classifica: 2°
Gol fatti: 21
Gol subiti: 7

2015-2016

Punti: 26
Posizione in classifica: 2°
Gol fatti: 27
Gol subiti: 13

2016-2017

Punti: 26
Posizione in classifica: 2°
Gol fatti: 29
Gol subiti: 12

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy