Pellegrini si prende la Roma, Under si candida: “Sto bene e voglio dimostrarlo”. Florenzi recupera

Fazio e Mkhitaryan potrebbero rientrare nel turn over di Fonseca in vista della sfida di domenica contro la squadra il Verona. Chi sicuramente non ci sarà è lo squalificato Zaniolo. Vince la formazione Primavera contro il Sassuolo

di Dario Marchetti, @@dariomarchetti7

All’indomani della vittoria contro il Basaksehir tutti gli occhi sono puntati su Lorenzo Pellegrini. Non ha segnato, ma dalla sua prestazione passa gran parte della vittoria in Turchia con due assist e un rigore procurato e realizzato da Veretout. Il sette giallorosso, da trequartista, ha trovato il suo ruolo e nessuno in Serie A ha i suoi numeri con 3,4 passaggi chiave a partita. A beneficiarne è anche Dzeko. Il bosniaco senza di lui ha realizzato solo un gol in 9 partite. E adesso la Roma pensa a blindarlo levando la clausola sul contratto. 

TRGORIA – Intanto a Trigoria si torna subito al lavoro in vista della seconda delle tre trasferte in 8 giorni. Domenica, infatti, ci sarà il Verona e la buona notizia è il recupero di Alessandro Florenzi. Il capitano giallorosso ha smaltito l’affaticamento muscolare al flessore e oggi ha svolto la seduta in gruppo. Allenamento, come sempre dopo le gare, con la squadra divisa in due: chi ha giocato ha fatto scarico, mentre gli altri si sono cimentati nel torello e in una partitella a ranghi ridotti. Ancora a parte, invece, Pastore per la botta all’anca che lo ha costretto a saltare Brescia e Basaksehir. Chi sicuro non ci sarà al Bentegodi è Zaniolo per squalifica. A tal proposito scalda i motori Under che ha parlato anche del suo momento di forma:  “Ora mi sento bene e voglio dimostrarlo anche se mi manca un po’ di minutaggio. Quando partirò titolare tutti lo capiranno. Sono in uno del club più importanti d’Europa e voglio fare cose davvero buone”. Non solo l’esterno turco, però, prova a giocarsi le sue carte in vista di domenica. Nelle turnazioni di Fonseca potrebbero rientrare anche Fazio e Mkhitaryan con quest’ultimo tornato in campo ieri al posto di Dzeko nei minuti finali lasciando la fascia da capitano a Smalling. Bel momento anche per Gianluca Mancini, che traccia un primo bilancio della sua avventura romanista: “L’inserimento è stato facilissimo, sembrava di non aver mai cambiato squadra. Sono un ‘giovane vecchio’, in campo non guardo l’età e se c’è da mandarci a quel paese ci sta”.

PRIMAVERA – In campo non va solo la Roma maggiore, ma anche i giovani di Alberto De Rossi che riscattano il derby perso con la Lazio la scorsa settimana. Vittoria rocambolesca al Tre Fontane con il risultato finale di 4-3 sul Sassuolo. Felice a metà il tecnico giallorosso a fine gara: “Oggi sul 3-2 la squadra ha dimostrato carattere, ma il problema resta la fase difensiva. Ripeto dobbiamo lavorare di squadra, non solo il reparto che mi sembra abbia fatto una gara all’altezza oggi. Dobbiamo fare un po’ di più”. Uno sguardo poi anche alla prossima sfida con l’Empoli: “Da questo punto di vista, il campionato è bellissimo, con tutte gare equilibrate. Il pronostico non è mai scontato”.

RAZZISMO – Uscendo dal rettangolo di gioco, invece, la Roma, insieme agli altri club di Serie A, continua a combattere la lotta contro il razzismo. I giallorossi hanno pubblicato attraverso il proprio canale Twitter la lettera inviata e sottoscritta da tutte le squadre del campionato italiano. “Vogliamo una policy più efficace” ha aggiunto la società di Pallotta che da sempre si mette in prima fila per sconfiggere questo fenomeno che purtroppo sta avendo sempre più spazio sui campi da calcio.  

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy