Fonseca riabbraccia Kumbulla, differenziato per Smalling. Domani gli esami di Mancini e Veretout

A Trigoria i giallorossi riprendono gli allenamenti in vista del match contro lo Young Boys. Pastore: “Spero di tornare presto” mentre la Raggi apre sul tema stadio: “Si farà”

di Francesco Minni

Dopo la cocente sconfitta di Napoli, la Roma ha ripreso oggi a lavorare a Trigoria in vista dei prossimi impegni. Con l’allenamento mattutino odierno, dopo il riposo di ieri concesso da Fonseca, ha avuto inizio la preparazione del match di Europa League contro lo Young Boys. L’obiettivo dei giallorossi è quello di dimenticare il passo falso del San Paolo centrando un obiettivo stagionale già giovedì: la qualificazione ai sedicesimi infatti dista solo un punto. Nella sessione odierna sono tornati ad allenarsi in gruppo Kumbulla e Fazio, finalmente negativizzati dopo il lungo periodo di quarantena. Smalling invece, come Santon, ha svolto ancora differenziato: difficile immaginarlo tra i convocati per l’impegno europeo, Fonseca conta di averlo a disposizione per il match contro il Sassuolo. Il rientro dei difensori ha tutta l’aria di essere un toccasana per il reparto arretrato, che ha vissuto momenti di piena emergenza nelle ultime settimane. E assume ancora più importanza dopo gli infortuni di Mancini e Veretout patiti a Napoli. Per entrambi si attendono i risultati degli esami strumentali in programma domani, nella speranza che si possa scongiurare il rischio che vengano riscontrate lesioni.

LaPresse

Roma, Pastore continua la riabilitazione: “Spero di tornare presto”. La Raggi riapre i contatti con i Friedkin per lo stadio

 

Chi starà lontano dai campi ancora per molto è Javier Pastore. L’argentino, stamattina a Villa Stuart per dei controlli dopo essersi sottoposto all’operazione all’anca, ha dichiarato a Forzaroma.info:Sto bene, spero di tornare il più presto possibile”. Nella clinica privata era presente anche il giovane portiere Boer per la visita di idoneità sportiva dopo aver terminato la quarantena. Torna a parlare del tema stadio la sindaca Raggi che, dopo le voci su un possibile irrigidimento dei rapporti con i Friedkin, riapre al confronto con i texani:Per noi lo stadio si farà. Ci mettiamo a disposizione, devono sussistere una serie di requisiti ma noi ci siamo”. Mentre i proprietari devono fronteggiare la preoccupante situazione finanziaria del club, la Roma continua a tendere la mano ai suoi tifosi. I giallorossi, attraverso i profili social, hanno annunciato che le mascherine col vecchio stemma, indossate dalla presidenza durante la gara contro il Parma, saranno disponibili in omaggio in tutti gli store della capitale.

Amra Dzeko dichiara amore alla capitale: “La nostra seconda casa”, la Roma realizza il sogno di un tifoso

 

Da segnalare sono le parole di giornata di Amra Dzeko:Adoriamo Roma, è la nostra seconda casa“. Questa l’ennesima dichiarazione d’amore nei confronti della città da parte della moglie del capitano romanista, che ha aggiunto: “Il Covid? Edin è stato isolato per diciassette giorni, è stata dura“. Amra nei giorni scorsi era stata protagonista del calendario delle wags giallorosse per sensibilizzare sul tema violenza sulle donne. Un’iniziativa lanciata dal club giallorosso che continua ad essere in prima linea per il sociale. A confermarlo è l’iniziativa che ha permesso a Paolo, un tifoso affetto da sindrome di Down, di incontrare i suoi idoli calciatori grazie ad un nuovo robot di telepresenza.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy