Dall’iPad di Luis Enrique al bunker di Fonseca: le nove estati caldissime della Roma americana

Dall’iPad di Luis Enrique al bunker di Fonseca: le nove estati caldissime della Roma americana

I gradoni di Zeman, le impennate umorali di Spalletti e il Rudi Garcia dai due volti, per finire con Di Francesco e Fonseca. Tutte le storie dai ritiri giallorossi della nuova proprietà

di Gianluca Viscogliosi

STRANI AMORI

Ritorni clamorosi dicevamo, anche per concludere un lavoro iniziato e mai finito, in campo e fuori. Parola di Luciano Spalletti. E’ lui il re indiscusso dell’estate di Pinzolo del 2016, dove si ritorna prepotentemente a parlare di Francesco Totti, del suo rinnovo e dell’ipotesi di addio al calcio che diventerà poi realtà. I destini sportivi della Roma passeranno in secondo piano, mentre il rapporto rancoroso tra i due diventerà la hit estiva più suonata nelle radio romane e nazionali. Settimane di lavoro intenso e di frecciatine, che porteranno prima all’eliminazione in Champions League, poi al doppio saluto di Totti e Spalletti.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy