RADIO PENSIERI, DOTTO: “Roma totalmente incapace di esser squadra, sempre più svuotata”

Quello delle radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma, una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo. Ecco le opinioni dei protagonisti divise per emittenti radiofoniche (elencate in ordine alfabetico)

di Redazione, @forzaroma

CENTRO SUONO SPORT

centro_suono

FRANCESCO BALZANI:La vittoria non ieri non pulisce nulla anche perché la Roma ha giocato peggio che col Torino. Se c’era l’Empoli o il Sassuolo finiva male di nuovo. C’è l’opportunità di cambiare e di rimettere in piedi un campionato considerando anche il mercato alle porte. Contatti con Spalletti ci sono stati. L’accordo c’è ma ora bisogna vedere se c’è la volontà da parte della Roma di concluderlo. Fino al 29 può accadere di tutto. L’abbraccio di Florenzi? Conta ma conta pure De Rossi che dice al tecnico “stiamo giocando male”. La squadra vuole bene a Garcia ma molti giocatori sono evidentemente frustrati. E solo coi rapporti umani nel calcio non vinci nulla, chiedete a Capello“.

SALVATORE D’ARMINIO: “Io manderei via Garcia lo stesso, nonostante il risultato e l’abbraccio dei giocatori. Non c’è la certezza del miglioramento ma la società deve provare a dare la scossa giusta, lo scudetto è ancora a portata di mano. Gli antagonisti della Roma sono Juve e Napoli”

CLAUDIO MORONI: “Io resto dell’idea che bisognava cambiare Garcia prima di Roma-Genoa qualora Pallotta avesse l’ok di Spalletti o Capello. Ora, invece, ho l’impressione che si continui con il francese fino a  fine stagione. La classifica è corta e la Roma ha ancora la possibilità di vincere lo scudetto. Il cambio allenatore non ti dà nessuna certezza di successo. Anche se mi sono antipatici dico che la Roma farebbe bene a puntare su Capello o Conte. Oppure una scommessa con Di Francesco che si potrebbe rivelare un nuovo Sarri”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy