‘RADIO PENSIERI’, CATALANI: “Prima di Salah mi preoccuperei di prendere due terzini buoni”

Continua la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali

di Redazione, @forzaroma

Quello delle Radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Sì, anche le altre città hanno degli spazi dedicati allo sport, e magari anche la loro stazione dedicata alla squadra del luogo. Non si troverà mai, tuttavia, una voce altisonante e popolare come quella proveniente dagli apparecchi della Capitale; una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma,una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo, e una folla di appassionati pronti a sintonizzarsi all’ora concertata. Ogni protagonista va a comporre un grande collage che riempie di spunti, approfondimenti e contraddizioni la settimana del tifoso. Un ciclo continuo, che si rinnova sulle frequenze FM locali ogni giorno, di partita in partita, stagione dopo stagione.

 

FRANCESCA FERRAZZA (Rete Sport):Ho l’idea che i giocatori che devono venire alla Roma stanno facendo di tutto per venire alla Roma ma la Roma non fa niente, aspetta ed aspetta. Grazie a Sabatini siamo entrati in questo limbo dell’acquisto sospeso. E’ molto complicato cedere Destro e Doumbia ed è complicato anche cedere gli esterni della Roma. Io se penso ad un mercato brutto non penso a questi tre nomi, poi c’è il discorso cessioni, e comunque intanto devono arrivare anche loro. Io avrei cominciato dall’esterno sinistro, ma se poi si parte con l’esterno d’attacco ti fa capire tante cose”.

 

ROBERTO INFASCELLI (Rete Sport):Quando si va a vedere ruolo per ruolo, quelli che mancano e che saltano all’occhio sono i terzini, perché persino i centravanti ci sono. Io credo che Salah sposti qualcosa in serie A”.

 

FEDERICO NISII (TeleRadioStereo):Diciamo che una cosa la devo riconoscere agli americani, hanno sbagliato tante cose ed hanno fatto tante cose giuste, ma se noi oggi possiamo accapigliarci su quale sia l’alternativa migliore tra certi nomi è merito loro, e possiamo anche discutere sulla data di nascita della società grazie a loro, perché la Roma è ancora viva. Sabatini si è inserito in una trattativa difficilissima per Salah, ed adesso accetta le condizioni e si mette d’accordo con una delle 5 squadre più potenti al modo che è il Chelsea e ti porta un giocatore che di fatto ha dimostrato di poter spostare le sorti di un campionato. E nonostante questo, comunque c’è qualcuno che non è contento di Salah perché dicono che ci sono già gli esterni d’attacco, ma chi sarebbero gli altri esterni d’attacco?”.

 

JACOPO SONNINO (Radio Radio):Che cosa succederà in fase di cessione della Roma? Perché noi abbiamo individuato dei nomi, ma qualora la Roma non dovesse riuscire a piazzare questi giocatori, perché le loro cessioni non sono affatto certe, a questo punto la Roma dovrà andare su pezzi diversi, e quindi dovrà andare su Romagnoli e su Ljajic. Io non sono sicuro che Romagnoli resterà al 100%, se lo farà sarà perché Sabatini riuscirà a piazzare sul mercato chi deve piazzare”.

 

FRANCO MELLI (Radio Radio):Il problema delle vendite è il problema di quest’estate del calciomercato, però io penso che avvicinandosi al 31 agosto ed abbassando anche certe pretese, la Roma riuscirà a piazzare i suoi giocatori in esubero”.

 

IVAN ZAZZARONI (Radio Radio):Adriano a sinistra non è Cole, Adriano è un giocatore che ha fatto discretamente bene a Barcellona. Per ora il giocatore più importante del mercato della Roma sarebbe Dzeko, e la Roma con lui si avvicinerebbe alla Juventus”.

 

FURIO FOCOLARI (Radio Radio): Salah è un anarchico ed è un giocatore che gioca per conto suo, bene ma per conto suo, quindi se la Roma rinuncia a Gervinho e prende Salah bisogna vedere se sarà il Salah visto in alcuni momenti alla Fiorentina, quello che segnava. Io credo che l’acquisto importante sia quello di Dzeko. La Roma prenderà Salah e Dzeko quindi si rafforzerà”.

 

ANTONIO FELICI (Centrosuonosport): “Dall’arrivo di Falque quante volte abbiamo letto che la Roma aveva raggiunto l’accordo o con il tale giocatore o con la società di turno? Dzeko, City, Salah, Chelsea. E’ passato un mese e non è arrivato nessuno.  Qui il problema è sì che la Roma offre un pochino meno degli altri, ma questo ci sta… Il fatto è che si pretendono delle modalità di pagamento – prestiti, rate eccetera- che è normale che creino trattative di proporzioni bibliche. Per un mese abbiamo commentato il nulla. Posso solo sperare che al rientro dalla tournée qualche altro giocatore sia messo a disposizione di Garcia. Previsioni non sono in grado di farne e probabilmente nemmeno Sabatini”.

 

MAURIZIO CATALANI (Rete Sport): “Sabatini continua a comprare in giro per il mondo giovani che poi, una volta arrivati in Italia, spariscono, non fanno mai la differenza. Australiani, maltesi. Ed il nostro vivaio? E poi li compra ad un allenatore che ha dimostrato che sui giovani punta molto poco. Con Salah arriviamo a sei o sette esterni. Chi dai via? Devi svendere Ljajic? Pericoloso. Io penserei prima a portare a Roma due terzini veri e l’attaccante”.

 

UGO TRANI (Rete Sport):La Roma deve essere rifondata perché contando le partite vere la Roma è arrivata seconda ma ad una marea di punti dalla Juve. Se fosse arrivata a un punto allora andava bene. Tra Dzeko, Salah e Szczesny sono 25 milioni d’ingaggio. La Roma sta cercando di risparmiare su tutte le trattative ed in più non riesce a vendere nessuno. Ci sono gli accordi con i giocatori ma c’è ancora da limare parecchio su quelli con i Club. La priorità della Roma è il centravanti e non sarà il primo ad arrivare. Come i terzini: io spero che arrivi Adriano più un altro all’altezza. Allora possiamo dire che è una Roma scatenata. Oggi come fai a chiamarla così?”.
MASSIMILIANO MAGNI (Rete Sport): “Rispettando le situazioni finanziarie però deve arrivare qualcuno entro una settimana, altrimenti è un problema grosso. Servono almeno due terzini titolari. A me andrebbe anche Nagatomo”.

ROBERTO RENGA (Radio Radio). “Io parlo di Salah solo quando la Roma lo presenta. Così come il portiere polacco: io ancora non ho letto il comunicato della Roma…L’egiziano non è così necessario perché la Roma ha tanti esterni. E poi è un extracomunitario e la Roma deve ancora venderne uno per liberargli il posto”.

ROBERTO PRUZZO (Radio Radio): “Salah è un buon giocatore ma alla Roma serve un centravanti uno che segna. Di esterni ce ne sono forse troppi”.

DARIO BERSANI (Teleradiostereo): “Se il Chelsea non molla un po’ io 25 milioni di euro comincerei a pensarci… Comunque i giocatori li hai: Iturbe, Iago Falque, Gervinho, Ljajic e Ibarbo: hai 5 esterni offensivi in attesa di piazzarne non so quanti. C’è pure Florenzi che può fare quel ruolo. Io Salah l’avrei preso a gennaio e lo prenderei pure adesso, ma se mi chiedi 25 milioni di euro. Con sti chiari di luna a queste cifre è capace che l’anno scorso, quando dovrai pagarlo, con lui avrai finito il mercato”.

 

AUGUSTO CIARDI (Teleradiostereo): “Il Chelsea lascerà andare Salah, ma secondo me a cifre diverse da 25 milioni di euro perché non è possibile allora che ci fosse un accordo con la Fiorentina per un riscatto a 17-18 milioni. Degli esterni offensivi attualmente in rosa gli unici che confermo sono Iturbe e Falque. Ibarbo non l’avrei preso e comunque Gervinho e Ljajic non li terrei”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy