‘RADIO PENSIERI’, FERRETTI: “La priorità è il terzino e il centravanti”, CATALANI: “La rosa è molto incompleta, sono preoccupato”

Continua la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali

di Redazione, @forzaroma

Quello delle Radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Sì, anche le altre città hanno degli spazi dedicati allo sport, e magari anche la loro stazione dedicata alla squadra del luogo. Non si troverà mai, tuttavia, una voce altisonante e popolare come quella proveniente dagli apparecchi della Capitale; una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma,una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo, e una folla di appassionati pronti a sintonizzarsi all’ora concertata. Ogni protagonista va a comporre un grande collage che riempie di spunti, approfondimenti e contraddizioni la settimana del tifoso. Un ciclo continuo, che si rinnova sulle frequenze FM locali ogni giorno, di partita in partita, stagione dopo stagione.

 

PAOLO FRANCI (Rete Sport): “Queste parole dei cinque anni sono chiacchiere, per me hanno già fallito. Una squadra vincente al quarto anno una Coppa Italia già l’avrebbe vinta. Trovo molto più rispettoso per la piazza il “vinceremo lo scudetto“, perché figlio dell’adrenalina. Ci può stare. Trovo molto meno accettabile i discorsi della società. La corsa ad oggi non è più due, perché l’Inter, il Napoli, il Milan anche se sotto, vanno messi. Questo è realismo, se poi vogliamo andare oltre allora possiamo parlare di scudetto. Per comprare Dzeko devi vendere Destro o Romagnoli, insomma fare soldi“.
MAURIZIO CATALANI (Rete Sport): “La situazione è davvero triste sotto certi aspetti: vedo cosa fanno gli altri, soprattutto l’Inter e il Milan, e in questo momento insieme a Juve e Napoli ti sono ampiamente sopra. Certo se avessi la certezza di recuperare due come Strootman, e Castan sarebbe un’altra questione, ma queste certezze tu non le hai. Al momento ti mancano due terzini sinistri, il titolare e la riserva, non hai il secondo portiere, non hai la certezza dei centrali perché sono convinto che la Roma venderà Romagnoli, che per me insieme a Rugani e Somma farà parte del reparto difensivo più forte dell’Italia futura. La squadra in questo momento è molto incompleta, e questo mi preoccupa molto”.

MIMMO FERRETTI (Teleradiostereo): “Al momento servono l’esterno sinistro e il centravanti titolare. Poi prendi un portiere che faccia concorrenza a De Sanctis, anche perchè in questo momento il secondo sarebbe Lobont e mi vengono i brividi. Non penso ci siano sorprese al di là di Dzeko e Baba. Lukaku? Soluzione importante ma ti costa quasi il doppio del bosniaco.  Ritiro? Va bene Totti che sta in forma e fa ridere tutti, va bene Maicon che qualcuno ce lo sta facendo passare per grande fenomeno, ma la domanda è: chi prendiamo? Castan ha passato davvero qualcosa di terribile, ed ora ha ricominciato a fare cose bellissime da calciatore e mi auguro che possa ricominciare a giocare le partite. Oggi non si gioca contro i boscaioli, oggi è un partita contro un club professionistico”.

 

ALESSANDRO ANGELONI (Retesport): “Come numeri in questo momento serve un centrale di difesa. Se va via Romagnoli non possono rimanere tre difensori, di cui uno è Castan. Garcia ha detto di tenere Romagnoli come tutti gli altri. La Roma sa che a questa squadra mancano i terzini, lo dimostra il fatto che ieri in partitella hanno giocato esterni bassi Pop, un portiere, e Ficheaux, un preparatore. Secondo me alla fine si farà poco e non basterà. ”

 

LUCA VALDISERRI (Retesport): “Dal punto delle norme Uefa, le cessioni di Bertolacci ed eventualmente Romagnoli non sarebbero la mossa giusta. Garcia? Non credo sia solo in questo ritiro, ma non credo neanche che sia stato lui ad aver scelto Norman. Sicuramente però ha capito che continuare con Rongoni sarebbe stato impossibile”

 

VALENTINA CATONI (Teleradiostereo): “Capisco la suggestione, ma non penso proprio che Ibra possa essere preso ai prezzi che si leggono questa mattina. Se devo scegliere tra lo svedese e Lacazette mi prendo il secondo. Ma Ibra resta un grande giocatore e una trattativa impossibile.”

 

UGO TRANI (Retesport): “Ieri Garcia ha fatto la figura del separato in casa. Non fa una figura da leader. Mi sembrava uno che ha dovuto dire delle cose, e mi auguro che non si avveri nessuna delle cose che ha detto. Il portiere è l’ultimo ruolo che Sabatini vuole coprire, visto che si alzano le quotazioni di De Sanctis titolare. Per me è un miracolo se Romagnoli non andrà al Milan. 30 milioni per il difensore non te li darà nessuno. Oramai facciamo i caroselli per le cessioni, e questo mi sorprende molto. Gervinho? Un tifoso dell’Al Jazira preferisce tifare la Roma, figuriamoci se l’ivoriano non preferisce rimanere qui piuttosto che andare negli Emirati Arabi.”

 

DAVID ROSSI (Roma Radio): “Qui a Pinzolo ci sono state le condizioni ideali per il ritiro e credo che questo posto sarà a lungo frequentato dalla Roma. Quest’anno Roma Tv sarà trasmessa in chiaro per gli abbonati Sky e sarà il mezzo dei tifosi per non farsi raccontare le verità virtuali. Potranno vedere come lo staff tecnico e quello atletico lavorano a contatto senza alcun problema. Ieri Garcia ha raccontato la sua verità, il suo stato d’animo ed io, da tifoso, preferisco ascoltare il protagonista e non farmelo raccontare “

 

ALESSANDRO PAGLIA (Roma Radio): “Ieri Garcia in conferenza stampa è stato molto determinato su quelle che saranno le linee guida della stagione che è appena cominciata” 

 

PIERO TORRI (Tele Radio Stereo) : La Roma ci sta mettendo una vita per vendere Destro al Monaco, il Milan sembra che in due ore ha già venduto El Sharaawy. Perlopiù a 20 milioni”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy