‘RADIO PENSIERI’, PRUZZO: “Io Dzeko lo avrei lasciato stare, ma la Roma non ha una vera alternativa”

Continua la nostra rubrica quotidiana che accompagna i lettori che non possono ascoltare i commenti di conduttori ed opinionisti delle radio locali

di Redazione, @forzaroma

Quello delle Radio romane è un fenomeno che non ha eguali nel resto d’Italia. Sì, anche le altre città hanno degli spazi dedicati allo sport, e magari anche la loro stazione dedicata alla squadra del luogo. Non si troverà mai, tuttavia, una voce altisonante e popolare come quella proveniente dagli apparecchi della Capitale; una pluralità di stazioni a fungere da piattaforma,una schiera di giornalisti, ex calciatori e opinionisti ad animare lo spettacolo, e una folla di appassionati pronti a sintonizzarsi all’ora concertata. Ogni protagonista va a comporre un grande collage che riempie di spunti, approfondimenti e contraddizioni la settimana del tifoso. Un ciclo continuo, che si rinnova sulle frequenze FM locali ogni giorno, di partita in partita, stagione dopo stagione.

ADRIANO SERAFINI (Tele Radio Stereo): “Ieri Sabatini ha parlato con Dzeko e lo ha voluto tranquillizzare sul fatto che rimane il primo obiettivo. C’è la possibilità che l’affare si chiuda in fretta. Gerson? Faccio fatica a credere che Sabatini non ci stia provando. Forse servirà uno sforzo di Pallotta, perchè questo ragazzo costa tanto, ma parliamo di un giocatore molto interessante, è definito il miglior talento brasiliano degli ultimi dieci anni”.

 

JACOPO SAVELLI (Rete Sport): “La famiglia Sensi e la gestione americana sono due mondi completamente opposti. Non dobbiamo sminuire Franco perchè rimane un grande presidente che ha dato tutto per la Roma, oggi il calcio è un altro cosa. Lo stadio della Roma cambierà radicalmente la storia di questo club”

 

LUCA VALDISERRI (Rete Sport): “Dzeko alle battute finali? Non so, ma il passo importante è stato chiamare il giocatore e tranquillizzarlo. Io penso che tra massimo una settimana Dzeko sarà a Roma. Oggi sono un po’ più ottimista di ieri, sono più fiducioso sul fatto che si muoveranno le cose.”

 

UGO TRANI (Rete Sport): “Per Dzeko la Roma ha fissato dei giorni entro il quale il City deve dare una risposta, perchè oltre non può aspettare. Il problema è che davanti ai uno dei club più ricchi del mondo. D’Ambrosio? Va bene, ma come rincalzo però. Secondo me a sinistra è rimasto in ballo Masuaku, che piace più di Digne, ma dipende dalle cifre. Salah, Dzeko, uno tra Masuaku e Digne, e Bruno Peres. E in più un centrocampista, il cui nome è un jolly, sarà una sospresa. Bruno Peres? Se Darmian è andato via a 18 milioni, lui deve per forza costare di meno. Ieri ho scatenato l’ottimismo, perfino Pallotta si è sciolto…”.

 

ROBERTO RENGA (Radio Radio): “Il fatto che girano voci di colloqui tra Chelsea e Roma, queste le fanno girare proprio i dirigenti, serve per tranquillizzare Dzeko, il quale ha diverse richieste dalla Priemer e dalla Germania ma lui si sente già qui a Roma perchè Pjuanic e Sabatini lo tranquillizzano”

 

FRANCO MELLI (Radio Radio): “L”Albatros’ mi ha detto che Salah è sicuro che giocherà con la Roma, mentre Pallotta ha messo il veto per Adriano. E’ troppo vecchio. Ora per il terzino sono in ballo tre nomi. Anche se io non ho ben capito quanti soldi ha messo nella Roma Pallotta da quando è arrivato. Secondo me non molti: questo è un genio. Su Dzeko il coltello dalla parte del manico ce l’ha il City. Allora la Roma deve sborsare qualcosa in più oppure cambi obiettivo altrimenti rischi di compromettere la stagione perchè il centravanti si deve ambientare in fretta con gli schemi di Garcia, ammesso che ce li abbia”

 

ROBERTO PRUZZO (Radio Radio): “Io ho molta fiducia in Szczesny. Spero che non mi sbagli come feci con Stekelenburg, ma il portiere polacco me lo ricordo come uno che fa grandi parate e ti dà sicurezza. Quindi può giocare titolare. Nello stesso tempo hai De Sanctis che ti offre sempre garanzie. Bruno Peres? Io lo prenderei, è un omologo di Florenzi. Il problema della Roma, oggi, è sfoltire la rosa soprattutto in attacco. Io Dzeko lo avrei lasciato stare, ma la Roma non ha una vera alternativa e alla fine arriverà”

 

NANDO ORSI (Radio Radio): “Io ero convinto che Szczesny venisse per fare il titolare ma poi ho visto le modalità dell’acquisto e allora ho dei dubbi. Bruno Peres non mi fa impazzire ma la Roma pur di dar via un paio di attaccanti comprerebbe accetterebbe qualsiasi contropartita. Dzeko? Se lo avesse trattato il Barcellona o il REal Madrid già lo avrebbero comprato. Ma alla fine arriverà”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy