Zaniolo e i suoi fratelli: la Roma cerca nuove vie

Nicolò multiuso: parte ancora da destra, in un terzetto inedito di trequartisti con l’ispirato El Shaarawy e l’uomo chiave Pellegrini

di Redazione, @forzaroma

Esattamente un girone fa, nel match di andata tra Roma e Atalanta all’Olimpico, il trio d’attacco della formazione giallorossa era composto da Dzeko, Under e Pastore. Era solo il 27 agosto, ma sembra passata un’era. Cinque mesi dopo la Roma ha letteralmente cambiato pelle: 4-3-3 accantonato in favore di un 4-2-3-1 più adeguato alle caratteristiche dei calciatori. Di quel tridente è rimasto solo Dzeko, che pure oggi è meno titolare di quanto non lo fosse un girone fa grazie alla crescita di Schick.
Alle spalle del bosniaco, scrive Chiara Zucchelli su “La Gazzetta dello Sport”, ci sarà un’inedita batteria di trequartisti: a sinistra il capocannoniere in campionato El Shaarawy, in mezzo Lorenzo Pellegrini, che come Cristante, Fazio e Nzonzi è diffidato e dovrà stare attento a non saltare la prossima partita col Milan. Sulla destra dovrebbe giocare Zaniolo. Della serie quando la testa può tutto, è in un momento in cui gli riesce praticamente ogni cosa. Partendo proprio da destra Zaniolo ha realizzato il suo primo, fantastico gol al Sassuolo. La sua fisicità gli consente di dare una mano anche in fase difensiva e ce ne sarà bisogno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy