Un patto Real, Roma ci crede. DiFra sprona il gruppo e Monchi rassicura: “Abbiamo autostima”

Un patto Real, Roma ci crede. DiFra sprona il gruppo e Monchi rassicura: “Abbiamo autostima”

L’allenatore parla alla squadra e invita all’attenzione. Il d.s.: “Siamo arrabbiati per questo inizio, ma io ho fiducia. C’è solo bisogno di tempo”

di Redazione, @forzaroma

In questo momento così complicato la Roma sceglie di fare quadrato. Eusebio Di Francesco non solo non si tocca, ma non è neppure in discussione, scrive Massimo Cecchini su “La Gazzetta dello Sport“. Il mercato di Monchi darà frutti a breve termine. Tutto questo, però, da Trigoria filtra con l’inevitabile postilla: comandano i risultati. Come sempre, ieri i dirigenti hanno fatto il punto della situazione con l’allenatore, consci del fatto che anche il presidente Pallotta non è contento di questo inizio di stagione. Il Real Madrid che incombe può trasformarsi da spettro a opportunità. Se al Bernabeu i giallorossi ritroveranno gioco, spirito e coraggio, l’iniezione di entusiasmo può far risalire in fretta la china anche in campionato. Un concetto che Di Francesco ha espresso anche alla squadra, catechizzata sulla concentrazione da mostrare soprattutto nella fase difensiva.

Da Trigoria raccontano di un Monchi inevitabilmente turbato da un avvio di stagione inaspettato, di cui ha parlato singolarmente con tanti calciatori. Sa che agli occhi dei tifosi non è più intoccabile, ed è per questo che sono tornate a rimbalzare le voci di un suo possibile addio a fine stagione per andare al Barcellona. “Il romanista è di un’incredibile emotività, paragonabile ai sivigliani – ha detto al “Mundo Deportivo” –. Devi tenerne conto quando porti avanti la tua politica, senza però evitare delle scelte impopolari“. Il Real, però, non farà sconti. “L’eliminazione del Barcellona ci ha dato autostima, ma nonostante la partenza di Cristiano Ronaldo la squadra resta fenomenale“. E sul presente dice: “Questo inizio ci ha fatto arrabbiare, ma ho enorme fiducia nella rosa e nello staff tecnico. Se la Roma vuole crescere deve accettare che un cattivo inizio di campionato sia un momento di crisi. Siamo ambiziosi, anche se non possiamo aspettarci che tutto funzioni dalla prima partita. C’è bisogno di tempo. Cambiare è il mio lavoro. Sono arrivati alcuni con un rendimento consolidato e altri che crediamo incrementeranno il patrimonio del club. L’obiettivo è mantenere la competitività e rispondere alle aspettative. La Juve? C’è un gap con loro, ma lavoriamo per ridurlo“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy