Roma, squarci di sereno. Un derby da quattro gol

Roma, squarci di sereno. Un derby da quattro gol

Tutto facile contro il Frosinone, partita chiusa già dopo 35 minuti. Apre Under, Pastore segna ancora di tacco, poi El Shaarawy e Kolarov

di Redazione, @forzaroma

Dopo il ritiro, la Roma e Di Francesco assaporano un ottimo brodino rinfrancante in vista del derby di sabato e liquida con un perentorio 4-0 al Frosinone (e due legni), grazie alle reti di Under, Pastore, El Shaarawy e Kolarov. Come riporta “La Gazzetta dello Sport”, la pratica viene archiviata già dopo il primo tempo chiuso sul 3-0, e questo fa capire la pochezza della squadra ciociara: solo il Catania nel 1970-71 non aveva trovato la porta alla 6a giornata.

La Roma per la prima volta vira dall’inizio sul 4-2-3-1 facendo riposare Florenzi e Dzeko a vantaggio di un buon Santon e un deludente Schick: e già al minuto due una bella azione di Under, santificata da un tunnel a Crisetig, trova Sportiello poco reattivo. È facile per i giallorossi trovare campo per rendersi pericolosi, un paio di volte con Schick, che al 22’ vede Sportiello deviargli un tiro a botta sicura sulla traversa, e principalmente con Pastore, autore del raddoppio al 28’, ancora una volta di tacco come con l’Atalanta. A chiudere virtualmente il match ci pensa al 35’ El Shaarawy, che da due passi segna su assist di Under, bravo a rubar palla a Capuano.

Dopo la Champions, restano da annotare l’esordio in A di Zaniolo e quello assoluto di Luca Pellegrini, che entra al posto di capitan De Rossi, giunto alla 600a in giallorosso. È Pellegrini, tra l’altro, a vivacizzare il finale, servendo un ottimo assist per Kolarov (spostato mediano), che tuona un gran sinistro sotto la traversa. Da notare come nel finale sono arrivati fischi per i dirigenti giallorossi inquadrati sui maxi-schermi. Come dire, gli ultrà hanno firmato una tregua armata, ma non certo la pace.

(M. Cecchini)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy