Raggi tira diritto: “Se tutto ok, lo stadio si fa”

Raggi tira diritto: “Se tutto ok, lo stadio si fa”

Ieri vertice notturno tra sindaca, consiglieri e Municipi coinvolti. Lanzalone va a processo a luglio. “Aveva interessi”

di Redazione, @forzaroma

Notte per lo stadio. Sembrerebbe il titolo di un film, ma è quanto hanno fatto ieri Virginia Raggi, i suoi consiglieri e i rappresentanti dei municipi interessati all’impianto di Tor di Valle, dove la Roma vorrebbe collocare la sua nuova casa. I “malpancisti” all’interno del Movimento 5 Stelle non mancano. La sindaca però vuole tirare dritto. “Se sarà tutto ok il progetto dello stadio non si fermerà e andrà avanti – dice a Radio Cusano Campus –. Quelle che ho chiesto sono state soltanto indagini supplementari, verifiche ulteriori, perché in queste situazioni dobbiamo avere tutte le conferme del caso per prendere la decisione più giusta peri cittadini” si legge su La Gazzetta dello Sport.

In ogni caso slitta a luglio il processo per l’ex presidente di Acea, Luca Lanzalone, accusato di corruzione e traffico di influenze nell’ambito dell’inchiesta “Rinascimento”. Il tribunale ha affidato ieri una perizia su decine di intercettazioni da trascrivere. Il perito ha chiesto almeno 60 giorni di tempo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy