Porta nuova, da Olsen fino ad Audero: arrivo e paro

Porta nuova, da Olsen fino ad Audero: arrivo e paro

Lo svedese ha la media del 6, para il 71% dei tiri, poco più di tre a partita

di Redazione, @forzaroma

Cancelliamo dal vocabolario dei sinonimi questo termine: guardiano. Non è più attuale, fare il portiere in Serie A non ha proprio più nulla a che vedere con la staticità. Non è detto che tu sia sempre il titolare e non è detto che basti saper usare le mani. E Robin Olsen, numero uno della Roma, è l’esempio che provoca più pruriti, riporta “La Gazzetta dello Sport”. I giallorossi nella scorsa annata si cullavano pensando al 6,37 (voti “Gazzetta”) di media del brasiliano. Quattro parate a partita e l’85% dei tiri nello specchio che non entravano erano numeri da statistici che trasformati in emozioni diventavano applausi forti. Ora Olsen arranca, possiede una pagella da 6 e para “solo” il 71% dei tiri, poco più di 3 a partita (dati Opta). Le sensazioni non si possono infilare in un archivio, eppure se si materializzassero potrebbero avere gli occhi dell’insicurezza. Juventus, Napoli e Roma sono le grandi che hanno deciso di cambiare portiere. Scendiamo allora di un gradino. La Sampdoria dell’anno passato aveva iniziato con Christian Puggioni in porta: media voto 5,98. Quest’anno c’è il giovane Emil Audero che finora viaggia a 6,18. Ed è proprio l’italo-indonesiano una della sorprese più belle di questo campionato. Marco Giampaolo è alla terza stagione con i blucerchiati e quindi il gruppo ha assimilato i suoi metodi e le sue concezioni di calcio. Fatto sta che l’anno scorso Puggioni parava il 79% dei tiri, quest’anno Audero l’88%.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy