La gara speciale di Torosidis: “Loro più forti”

L’ex giallorosso si prepara ad affrontare il suo passato: “La Roma è compatta in ogni reparto”

di Redazione, @forzaroma

Roma, quanto sei forte. Ma siamo in ripresa e ce la giocheremo”. Vasilis Torosidis lancia la sfida alla sua ex squadra mettendola in guardia in vista del lunch match di domani. Alla seconda stagione col Bologna, per il terzino destro della Nazionale greca saranno 90’ dal sapore speciale dopo 77 presenze in giallorosso dal 2013 al 2016: “Conservo tanti ricordi, tutti belli. E spero in un grande risultato contro il Barcellona, farò il tifo per loro”. Questo un estratto dell’intervista realizzata da “La Gazzetta dello Sport”. 

 

Dzeko è il pericolo numero uno?
“È fortissimo, ma sarebbe riduttivo focalizzarsi solo su di lui. Potrei citare almeno 20 giocatori: la Roma è compatta in ogni reparto. Dietro Manolas e Fazio, a centrocampo Nainggolan è un leader, in attacco c’è l’imbarazzo della scelta: attenzione anche a Ünder e Perotti, senza dimenticare El Shaarawy”.

Con il Barcellona sarà missione impossibile?
“Sorteggio spietato. Tutti conoscono i blaugrana, probabilmente parliamo della squadra più forte del mondo, ma le partite non sono mai scontate e la Roma non parte battuta. Pareggiare in Spagna sarebbe un grande risultato per poi giocarsela all’Olimpico”.

Lei conosce molto bene Valverde.
“Abbiamo condiviso tanti anni all’Olympiakos. Un grande allenatore, preparatissimo. Il Barça è stellare, ma di certo Ernesto è un valore aggiunto che merita di sedersi su una panchina tanto importante”.

Cosa manca alla Roma per essere al livello della Juve? 
“Lo stadio, zero dubbi. Nel calcio di oggi è fondamentale, impossibile essere competitivi senza un impianto di proprietà. Giusto che Pallotta, col quale ho sempre avuto un ottimo rapporto, stia spingendo in questa direzione”.

(F. Fontana)

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy