Tra auto, cinema e turismo: Dan Fiedkin e la scommessa Capitale

Tra auto, cinema e turismo: Dan Fiedkin e la scommessa Capitale

`Proprietario di un impero nel Sud degli States vuole rafforzare la sua immagine internazionale

di Redazione, @forzaroma

All’età di 54 anni, sposato con quattro figli e un patrimonio di 4,2 miliardi di dollari in tasca, cosa si può pretendere di più dalla vita se non un rilancio sulla scena internazionale? Per Daniel Friedkin il trampolino è l’acquisto della Roma, una società calcistica la cui direzione sarà pure piena di incognite e di sfide impossibili, ma che nell’analisi di un consulente di tutto rispetto come la Deloitte è al 15° posto nella classifica del valore delle squadre europee di calcio, lo sport più popolare del mondo.

Friedkin, scrive  Flavio Pompetti su Il Messaggero, scalpitava da almeno due anni per fare questo salto di qualità, da quando la morte del padre Thomas lo ha lasciato libero di seguire le sue ambizioni personali. Si è trovato nelle mani un impero di 154 concessionarie di automobili, per lo più legate alla catena Toyota Gulf States fondata dal genitore nel 1969, e che cuce insieme una catena commerciale che attraversa cinque stati del sud degli Stati Uniti.

La Roma può essere il trampolino ideale per lanciare gli affari su scala globale dall’Europa fino ai confini dell’Asia e del Giappone, il paese che ha reso possibile l’accumulo di tanta ricchezza con l’esportazione delle Toyota.

Con il suo impulso ha spinto gli affari del gruppo verso la produzione cinematografica, e la realizzazione di alcuni film ben noti e apprezzati, anche se non sempre di cassetta. La casa di produzione del gruppo, la Imperative Entertainement, ha sede a Santa Monica a nord di Los Angeles, ed è seguita in modo particolare dal figlio trentenne Ryan, il cui nome è stato fatto come possibile inviato a Roma in funzione di nuovo presidente della squadra.

Il tesoro di famiglia comprende resort turistici negli Usa e nel Messico (l’acquisto di un storico hotel nella stazione sciistica di Aspen in Colorado è stato ultimato questa settimana); e poi l’organizzazione di safari, e il possesso di campi da golf. In totale dodici aziende che danno lavoro a 5.600 persone. Le ambizioni di Friedkin sono grandi, e il premio che sta pagando a Pallotta al momento di rilevare la Roma sta a testimoniare un margine di espansione del valore della società che potrebbe non aver ancora raggiunto il suo massimo potenziale.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy