Stadio, fronte del “no” M5S: manca l’interesse pubblico

Nel IX Municipio, guidato dai grillini, voto contrario e rebus per le penali. La fronda si allarga in Campidoglio: «Non possiamo ignorare i territori»

di Redazione, @forzaroma

Sembra ormai diventata anche, soprattutto, una questione di soldi, scrive Lorenzo De Cicco su Il Messaggero. Il terrore che monta tra i consiglieri stellati che siedono in Assemblea capitolina è che possano ritrovarsi, tra due anni, quando sarà terminata l’avventura a Palazzo Senatorio, con lo spettro di un conto milionario a rincorrerli da privati cittadini.

L’ultima gruccia che tiene in piedi la sciagurata operazione stadio sarebbero, a detta di molti consiglieri, principalmente le penali che i proponenti minacciano di reclamare se si arriverà allo stop del progetto, data la ridda di arresti e indagati che si è vista sin qui.

Chi può votare a cuor leggero, come i consiglieri dei municipi – hanno un ruolo solo consultivo – ha già ratificato senza remore il passo indietro: si torna al caro, vecchio No a Tor di Valle.

Ieri la Commissione Urbanistica del IX Municipio, il distretto dell’Eur dove dovrebbe nascere lo stadio e il mega-complesso di negozi, uffici e alberghi, ha approvato una delibera per annullare “in autotutela il pubblico interesse” del progetto. Sì all’unanimità, M5S compreso, su proposta della consigliera comunale Cristina Grancio, la pasionaria espulsa del Movimento per non avere tradito la linea delle origini, e del collega Stefano Fassina.

È un segnale che pesa, nel mondo grillino. Perché dopo le dichiarazioni di diversi big – dai parlamentari Carla Ruocco e Nicola Morra alla capogruppo in Regione, Roberta Lombardi – per la prima volta, con un voto, il M5S si riposiziona sul No. E viene per giunta dal territorio che dovrebbe sopportare il peso di un intervento che il Politecnico di Torino ha definito «catastrofico», senza correttivi che stravolgano tutta la mobilità cittadina. La Raggi, per ora, prende tempo. 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy