Roma, ecco il piano di Friedkin: vuole Paratici e il ritorno di Totti

In attesa di scegliere il ds, fiducia a Fienga, Calvo e Zubiria. Il club aspetta Paratici e intanto si affida al manager Giuffrida

di Redazione, @forzaroma

Più che lo stallo, è la pazienza a dettare gli step della nuova Roma: Friedkin e i suoi collaboratori sono operativi, da venerdì scorso quotidianamente in contatto con il management di Pallotta, ma l’intenzione è di non farsi prendere dalla fretta nel definire la programmazione per lo sbarco a Trigoria e soprattutto per la stagione che verrà, scrive Ugo Trani su Il Messaggero.

Il piano della proprietà entrante, aspettando il closing del 17 agosto, prevede due fasi: innanzitutto c’è quella che deve garantire la continuità aziendale e, con alcune operazioni di mercato in entrata e in uscita, pianificare la vita quotidiana della squadra che tra 16 giorni riprenderà a lavorare; l’altra, invece, è mirata alla rivoluzione interna, con il rinnovamento dello staff operativo, per la quale bisogna attendere che siano individuati i ruoli da assegnare.

La Roma di oggi è riconoscibile nel trio che ha curato il post lockdown e fatto da sponda nella trattativa con Friedkin: il ceo Fienga che si è occupato, oltre che del bilancio, anche dell’area tecnica, il manager Calvo che, responsabile del marketing e in assoluto degli introiti, spesso ha rappresentato la società giallorossa nelle riunioni in Lega, e il direttore generale Zubiria che, oltre a tenere i rapporti con l’Uefa e la Fifa, governa l’area sportiva. E resteranno anche quando si insedieranno i nuovi americani.

Fienga per il mercato si affiderà ai procuratori che gravitano attorno al pianeta giallorosso, con Giuffrida come principale riferimento, e a De Sanctis che, senza la presenza di Baldini, ha finalmente spazio di muoversi anche fuori dal settore giovanile. Sono, insomma, loro che si occuperanno in queste settimane di portare avanti alcuni discorsi messi in piedi prima del cambio di proprietà.

Fienga e Giuffrida votano Paratici: il ds della Juve è il preferito. Se fosse libero, non avrebbe alcun rivale. Agnelli, però, fa capire di volerselo tenere stretto. Se la situazione, in queste settimane, cambiasse, la Roma proverà a convincerlo, consapevole che anche lo United è in pressing da tempo. Paratici con Sarri (ha dato la disponibilità): l’accoppiata sarebbe intrigante. Ma il club giallorosso prenderebbe anche solo il ds che è in sintonia con Fienga e Giuffrida. Pure se si propone Planes del Barça, il sostituto di Petrachi sarà quasi sicuramente italiano. Ecco perché Giuntoli è sempre in corsa. E Pradè si muove per essere preso in considerazione.

De Rossi in panchina rimane la scelta romantica che è difficile da fare: questione di tempo e di patentino. Più semplice riportare Totti, da direttore tecnico o con qualsiasi carica dirigenziale: l’ex capitano ne ha parlato con Marc Watts e Ryan Friedkin.

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. iasevedo - 7 mesi fa

    Sinceramente Totti lo vedrei meglio come uomo immagine, non avendo competenze specifiche manageriali…non basta essere stato il miglior calciatore della storia romanista per diventare anche dirigente….io per quel ruolo, una figura forte di campo e scrivania, vedrei meglio fabio capello, o boiban, che si è dimostrato molto capace, anche se forse troppo legato al mondo milan….anche boniek sarebbe una figura valida….e personalmente mi piacerebbe tornasse umberto gandini, persona di grande spessore e competenza

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. iasevedo - 7 mesi fa

    sinceramente

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy