Ranieri naviga nella semplicità

Ranieri naviga nella semplicità

Il tecnico: “Il problema è che non riusciamo ad essere compatti. Per questo motivo bisogna restare corti e non dare la possibilità agli avversari di infilarci”

di Redazione, @forzaroma

All’insegna della semplicità. Per una Roma in difficoltà, atleticamente e tecnicamente, Ranieri prepara la gara contro la Fiorentina senza troppi fronzoli tattici, scrive Stefano Carina su Il Messaggero.

Ai ragazzi non chiedo nulla quando abbiamo la palla per poter andare, gli dico di non giocarla nella nostra metà campo, perché sono pochissime le squadre che partendo da dietro riescono a faregol” dice il tecnico giallorosso in conferenza stampa.

La traduzione calcistica è quanto visto nei primi 270 minuti con Empoli, Spal e Napoli: totale affidamento ai lanci lunghi, sperando che sulle seconde palle gli attaccanti sappiano crearsi l’occasione. Il problema è che Dzeko non sta benissimo (noie all’anca e alla caviglia) mentre Under è da valutare se farlo partire dall’inizio o impiegarlo in corsa.

Ranieri cerca “la compattezza” per poi ammettere sconsolato: “Il problema è che non riusciamo ad esserlo. Per questo motivo bisogna restare corti e non dare la possibilità agli avversari di infilarci”. Intanto la fiducia per Olsen, manifestata appena 4 giorni fa,vacilla pericolosamente: “Deciderò all’ultimo chi far giocare in porta”. Mirante è pronto. Il tecnico si rivolge al gruppo: “Voglio degli uomini in campo che sappiano reagire alle avversità”.Magari ricordandosi di giocare anche a pallone.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy