Pinto va nell’hotel di Allegri e incontra il manager di Sarri

Il g.m. portoghese rientra a Roma ma svincola e schiva ogni domanda dei cronisti

di Redazione, @forzaroma

«I didn’t know about it». Sono queste, in inglese, le uniche parole di Pinto a Milano, davanti a microfoni e telecamere. La raffica di domande è improvvisa e al tempo stesso scontata: chi lo aspetta davanti all’ingresso del ristorante dell’hotel in cui alloggia gli chiede se, nell’albergo adiacente, ha visto Allegri, il candidato principale della famiglia Friedkin per la successione di Fonseca a fine stagione, scrive Ugo Trani su “Il Messagero”.

Il tecnico però ha subito smentito di aver incontrato il gm giallorosso. Vive a Milano e conferma la sua presenza, ma spiega di essere andato lì per salutare l’amico Braida, suo ds al Milan e adesso dg alla Cremonese. Non cerca pubblicità l’allenatore che, spesso nella Capitale per gli impegni di lavoro della sua compagna Ambra, avrebbe altre occasioni e migliori location per incontrare Pinto e magari i Friedkin che, dall’estate scorsa, lo ritengono il profilo ideale per il nuovo corso. In Spagna, invece, è dato favorito come erede di Zidane al Real.

Pinto, rientrato in albergo, si è subito reso conto che la notizia stava lievitando. Non c’è stato l’incontro, fanno sapere i protagonisti mancati, eppure via internet è già diventato ufficiale. “Non sapevo che Allegri fosse lì. Ho visto procuratori. E ho parlato con Ramadani” la telefonata del gm a Trigoria per tranquillizzare Fonseca. Ramadani, però, è anche l’agente di Sarri, in corsa per la panchina della Roma. Come Allegri, la prima scelta.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy