Lo sponsor tecnico lascia la Roma. Altro segnale del cambio di proprietà

Su twitter Al Baker, interessato ad un club italiano, nega: “Che un’offerta fatta per la Roma sia stata accettata”

di Redazione, @forzaroma

La Roma e Nike si separano. Il contratto stipulato il 12 marzo 2013 con data di scadenza prevista per il 31 maggio 2024, è stato anticipatamente risolto e volgerà al termine al concludersi della stagione 2019-20.

Allo stesso tempo, scrive Stefano Carina su Il Messaggero, le parti hanno stipulato un accordo valido per la prossima stagione in base al quale la multinazionale Usa continuerà a fornire in esclusiva al club il materiale tecnico. Poi toccherà al nuovo sponsor.

In pole c’è Under Armour, ma ci sono contatti in corso anche con altri marchi, tra cui Adidas (in corsa pure Puma e New Balance).

L’addio è consensuale anche se nel prospetto informativo dell’accordo siglato 7 anni fa esiste una postilla a favore dell’azienda Usa: “Nike ha diritto di terminare il contratto in caso di cambio di controllo del club o della persona o entità che direttamente o indirettamente lo controlla (…)”. Alla base della risoluzione potrebbe dunque esserci un cambio di proprietà all’orizzonte. In tal senso sta destando molta curiosità sui social la figura di Fahad Al Baker, uomo d’affari del Kuwait (non legato al fondo sovrano) che ha dichiarato di aver presentato un’offerta per l’acquisizione di un club italiano quotato in borsa, per poi ritrattare in parte: “La notizia che un’offerta fatta per la Roma è stata accettata, non è vera. Questo mi ha messo in una posizione imbarazzante. Non sono in fase di negoziazione al momento. Ho però presentato un interesse per un club italiano. Non sono autorizzato a fare nomi finché non abbiamo concluso l’affare“. Tutto e il suo contrario.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy