La Roma non sa crescere

I giallorossi perdono ancora con una big ed escono fuori dalla zona Champions

di Redazione, @forzaroma

Gli ennesimi punti persi contro una big: la Roma si arrende anche al Milan (1-2). Come scrive Ugo Trani de Il Messaggero, in questa annata sono stati raccolti solo 3 punti su 24 disponibili negli scontri diretti. In particolar modo, con Fonseca, in 21 partite con le grandi, appena 3 successi, tutti nella scorsa stagione. Se prima la Roma era terza in solitaria, ora la classifica comincia a mettersi male: i giallorossi sono quinti, fuori dalla zona Champions. Davanti a loro Inter, Milan, Juventus e Atalanta (queste ultime a +2). Seguono i capitolini il Napoli, adesso a -1 come la Lazio, che però deve recuperare la gara contro i campioni d’Italia.

Una gara piena di episodi, caratterizzata dai primi 20 minuti di blackout che hanno rischiato di imporre il passivo di due gol, salvati solo dal fuorigioco. E’ stato annullato anche il gol di testa di Mkhitaryan, per un gomito largo di Mancini sull’assist. Prima di andare negli spogliatoi Guida concede il 15° rigore in questo torneo al Milan (20° con le coppe), trasformato da Kessie. E’ il Var Irrati, però, a correggere l’arbitro che ha visto Fazio colpire la palla. Prima del termine della partita c’è tempo anche per un’altra polemica: Mikhitaryan chiede invano il rigore per la trattenuta di Hernandez.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy