Gol, assist e una firma che non arriva: ecco Mkhitaryan, leader all’improvviso

Senza Pellegrini e Dzeko tocca all’armeno fare il trascinatore

di Redazione, @forzaroma

Domani, contro la Juventus, senza Dzeko e Pellegrini, la Roma si aggrappa a Mkhitaryan, scrive Stefano Carina su Il Messaggero. È lui la guida giallorossa, un exploit andato di pari passo con il cambio di sistema di gioco.

Fonseca, rapito dal talento dell’ex Arsenal, gli ha trovato la collocazione giusta. E i risultati si vedono: ha già segnato più gol dello scorso anno (11, comprese le coppe, rispetto ai 9) ai quali vanno aggiunti 8 assist (10 con le coppe). In campionato è fermo a 9 reti.

Soltanto una volta ha fatto meglio: nel 2015-16 con il Dortmund. Intanto ancora in ballo la questione rinnovo: la Roma ha comunicato al giocatore di aver esercitato il diritto al rinnovo (stesse cifre di quest’anno: 3 milioni più 2 alla firma). Tuttavia l’armeno ha preso tempo. Al di là del fatto che si aspettava che il club glielo proponesse prima c’è da risolvere la questione-Raiola, poco soddisfatto (eufemismo) da come sono andate le cose sul prolungamento di Calafiori (commissione decurtata).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy