Friedkin prepara il piano per trattare con l’Uefa

La due diligence prosegue, l’annuncio del passaggio di proprietà arriverà in questi giorni

di Redazione, @forzaroma

Non resta che attendere, scrive Stefano Carina su Il Messaggero. Anche perché il ritornello che trapela dalle parti in causa è sempre lo stesso: sono giorni decisivi.

La due diligence (che comprende anche la stesura dei contratti preliminari) prosegue. E considerando che sono 12 le società in questione, più le due partecipate allo sviluppo dello stadio, il drafting – ossia la stesura degli accordi – necessita inevitabilmente di tempi tecnici.

Appena sarà completata la due diligence, le conclusioni saranno inviate al board del gruppo Friedkin che formulerà la proposta finale secondo i principi d’equità. Se Pallotta l’accetterà, verranno apportate le firme sui contratti preliminari.

Se poi l’annuncio arriverà in nottata, domani, o tra qualche giorno, a questo punto cambia veramente poco. Chissà invece se cambierà qualcosa nella strategia di Friedkin il fatto che – a meno di deroghe – non potrà usufruire del Voluntary agreement che normalmente la Uefa concede, su richiesta, ai club che hanno cambiato nell’ultimo anno proprietario. Delle tre condizioni necessarie (1- La domanda deve pervenire entro il 31 dicembre; 2- Per averne diritto il club non dovrebbe essere qualificato alle prossime coppe europee; 3- Per richiederlo la società negli ultimi tre esercizi oggetto di monitoraggio non deve essere stato parte di un accordo volontario o non deve aver subìto un provvedimento disciplinare o non deve aver stipulato un accordo transattivo) al momento il club giallorosso non ne soddisfa nemmeno una.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy