Dzeko-società, partita a scacchi. Milik frena, Mandzukic si offre

La società ha passato la palla a Edin, che però a Roma si trova bene. L’ex Juve proposto da intermediari

di Redazione, @forzaroma

Una partita a scacchi. Dove la prossima mossa spetta a Dzeko. Dopo mesi nei quali da Trigoria è trapelato come il bosniaco fosse sacrificabile, il passaggio di consegne da Pallotta a Friedkin ha almeno ufficiosamente cambiato gli scenari, scrive Stefano Carina su “Il Messaggero”. Ora la versione off record del club è diversa: Dzeko è il nostro centravanti, se poi lui ha dalle offerte che reputa interessanti, ci siederemo e valuteremo insieme.

La Roma comunque dovrebbe trovare un sostituto, che per il momento non ha. Per Milik il Napoli continua a chiedere 40 milioni. Nei giorni scorsi intermediari hanno proposto Mandzukic. Vuole tornare in Italia ed è svincolato. Rappresenta un’opzione da inserire magari in rosa, difficile immaginarlo come l’eventuale sostituto di Dzeko.

Discorso simile per Choupo-Moting, che non viene ritenuto un profilo idoneo al quale affidare l’attacco. Lo sarebbe Belotti, ma Cairo chiede almeno 60 milioni: inarrivabile. Più accessibile Piatek. Il problema rimane sempre lo stesso: bisogna sostituire Dzeko, non uno qualunque.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy