Qualcuno tiri giù il sipario su questo fallimento totale

Il calcio è un gioco, ma la Roma non è un giocattolo. Si può fallire, certo, ma nessuno ha il diritto di calpestare i sentimenti di chi si identifica in questa squadra

di Redazione, @forzaroma

Il calcio è un gioco, ma la Roma non è un giocattolo. Si può fallire, certo, ma nessuno ha il diritto di calpestare i sentimenti di chi si identifica in questa squadra. Garcia anche ieri è stato giurassico in panchina, presentando una squadra che avrebbe faticato a vincere anche negli Anni 70, ma svelto e moderno di lingua. Stavolta, però, gli slogan sono stati puerili, fino a risultare offensivi. Dire «Resto fino alla morte» di questi tempi è di cattivo gusto e non suona come una promessa, ma come una minaccia. «Terza partita senza subire gol», poi, ha i contorni di un’insopportabile presa per i fondelli. Ma Garcia è questo. Lo si sa dal gennaio scorso. Un buon tecnico, padrone dei ferri basilari del mestiere ma nulla più. Anzi, oggi andrebbe lasciato in pace a leccarsi le ferite che, nonostante l’orgoglio smisurato, gli si sono aperte sull’anima. L’esame di coscienza spetta al direttore generale Baldissoni e al direttore sportivo Sabatini. Loro (più del Ceo Zanzi in tutt’altre faccende affaccendato) principali responsabili di uno sfaldamento tecnico evidente, che rischia di avere conseguenze nefaste. Eppure anche ieri hanno deciso di non decidere: niente esonero, niente ritiro. Niente di niente Il presidente Pallotta con lo stadio di Tor di Valle impantanato sulla soglia della Regione (chissà se e quando la varcherà), a giugno rischia di fare i conti con un crack economico inevitabile se la squadra non dovesse risalire fino alla zona Champions. Risalire senza tifosi, senza gioco, senza più obiettivi di vittoria realistici. Buona fortuna Roma.

(R. Buffoni)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy