Campo Testaccio, l’impianto al Municipio ma non ci sono i soldi

Campo Testaccio, l’impianto al Municipio ma non ci sono i soldi

L’opposizione: “Il Comune lo abbandona”

di Redazione, @forzaroma

Tanta gloria, cantavano i tifosi giallorossi pensando agli antichi fasti di Campo Testaccio. Quello stesso campo ridotto, oggi, a campetto di quartiere.

Eppure ha visto giocare volti storici della Roma dal portiere Masetti, al Fornaretto Amedeo Amadei e Fulvio Bernardini, a cui è stato intitolato l’attuale centro sportivo di Trigoria: anni gloriosi, che hanno scritto la storia della squadra giallorossa. Ma oggi, di quel glorioso stadio, non resta che un campo municipale. A deciderlo è una delibera dell’Assemblea capitolina che la classificazione di Campo Testaccio come impianto sportivo di rilevanza municipale.

Il Campidoglio, quindi, per salvare Campo Testaccio dal dimenticatoio in cui è precipitato dal 2006, quando si decise di costruire lì un parcheggio mai realizzato, non è riuscito a fare altro che cederlo al Municipio 1. Nel mese di ottobre scorso si è provveduto alla bonifica del campo, per togliere quella foresta di erbacce e alberi cresciuta negli anni. Poi più niente: la palla passa al municipio 1. “Da sempre abbiamo chiesto spiega la presidente di municipio, Sabrina Alfonsi – che Campo Testaccio venisse derubricato dalla lista dei Pup e restituito alla collettività. In questi tre anni di governo dei Cinque Stelle in Campidoglio questo è l’unico risultato che è stato ottenuto. Di tutti gli incontri fatti con l’Assessore Frongia su ipotesi di riqualificazione dell’area ora resta questo misero risultato: ci restituiscono una buca, senza nessuna ipotesi di recupero. La consideriamo una sfida, richiederemo in Bilancio le risorse necessarie per una prima sistemazione dell’area: è già stata convocata una Commissione consiliare”.

La partita infatti si gioca sulle risorse: “La classificazione di Campo Testaccio a livello municipale e non più comunaledipartimentale – spiega Alessandro Cochi, responsabile sport per Fratelli d’Italia – è un grave passo indietro da parte dell’attuale amministrazione capitolina. Significa scaricare un problema annoso ad un’entità amministrativa ben più piccola con i mezzi ridotti, dalle risorse umane a quelle tecniche ed economiche, per riuscire a promuovere bandi e manutenzione”.

(L.Loiacono)

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy