Uno Schick di lusso e alla Roma basta soltanto un minuto

Uno Schick di lusso e alla Roma basta soltanto un minuto

Dopo 21 secondi i giallorossi vanno in vantaggio e chiudono

di Redazione, @forzaroma

Il prezzo che la Roma paga al passaggio del turno è fin troppo salato. Ha ritrovato la migliore versione di Schick, ma ha perso due calciatori per infortuni non proprio banali. Erano passati appena 10 minuti della partita con l’Entella, vinta per 4-0, e Di Francesco aveva già perso Perotti (nel riscaldamento, guaio al polpaccio) e Juan Jesus. Due stop – scrive Matteo Pinci su “La Repubblica” – che si aggiungono a quello di Nzonzi. Quando il difensore brasiliano s’è fermato quasi tutti hanno ripensato alla maledizione che ha colpito per anni Trigoria: il crociato. Che vorrebbe dire stagione praticamente finita, e con un Marcano a segno ieri ma già bocciato dall’allenatore l’effetto sarebbe trovarsi a non avere alternative reali al duo Fazio-Manolas.
Insomma, un nuovo ostacolo nel gennaio del ds Monchi, che dovrebbe cercare a questo punto almeno un difensore, oltre al centrocampista che manca dalla cessione di Strootman. La Roma però ha problemi a spendere anche un solo euro: “Abbiamo dei limiti per le trattative, abbiamo fatto grandi investimenti in estate”, ha ammesso contrito il ds.
Se non altro, la passeggiata contro l’Entella, volenterosa al punto da sfiorare almeno due volte l’1-1 nel cuore del primo tempo, ha regalato a Di Francesco la prima doppietta romanista di Schick, a cui forse il nuovo mental coach fa bene: un gol dopo 21 secondi di tacco, arma utilizzata pure per l’assist del raddoppio di Marcano, e la firma sul tris, prima del poker di Pastore. Come sottofondo, i soliti cori idioti contro Napoli.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy