?Torna, vince, ci fa divertire?. Quella voglia di illudersi tradita

di Redazione, @forzaroma

(La Repubblica – E.Audisio) – Ci sono scelte giuste che diventano sbagliate. Zeman era una di queste: aveva una bella faccia, da film western, il resto era trasgressione pura: ?Si vince e si perde, succede a tutti. Ma a me succede pi? che agli altri. Si pu? fare gol e si pu? subirlo, mi piace provarci, cercare un disegno, certe verticalizzazioni le ho prese dall?hockey. Bisogna insegnare qualcosa ai giocatori, migliorarli, non solo occuparsi del risultato?.

Lo sport ci casca spesso, si fa fregare dalla grande illusione, si riprende un grande nostromo, che ha pagato la sua diversit?, anche se sono cambiati oceani ed equipaggi. Lo sport crede nella colla, nel riattaccare i pezzi della leggenda, nelle porte che continuano a sbattere, nella nostalgia del passato che ti porta sempre per mano, pure se non ce la fa pi?. Non ? il solo, altrimenti Scott Fitzgerald non avrebbe mai scritto Il Grande Gatsby. ?Lo disse pure (a settembre) Franco Baldini: ?La vera utopia ? vincere con Zeman ?. Non era un rischio, ma una richiesta di miracolo.[…]

 

La sua ? stata definita ?l?entusiasta staticit? di un?iguana?. Non solo: ma zemaniano nel frattempo era diventato un aggettivo: significava essere zen, andare avanti per la propria strada, credere nella bellezza di un?azione non nella certezza di un risultato. Senza tirarsela, perch? come dice Zeman: ?Io sono normale, sono gli altri a essere anormali. Sono stato fuori per scelte altrui, non mie. Io non ho mai rovinato le societ? e non sono mai stato sotto inchiesta?. Cos? la nuova Roma, dopo l’esperienza spagnola, tornava ad essere un po’ antica. […]

 

Anche Roma era contenta, poteva risognare, e i suoi circoli trovare un’identit? amata: la squadra avrebbe fatto divertire, quel po’ di lucida follia che ti fa venire voglia di vivere (pure se alla fine muori). Suscitavano ammirazione non solo le sue pause, ma anche le sue lezioni sincere: ?I giocatori oggi sono troppo immersi nell?elettronica e in internet. Io non posso proibire Facebook, ma posso provare a dire che stare da soli davanti a un video non va bene. ?Non pu? contare pi? l?ingaggio che il collettivo. I ragazzi non sono cattivi, ma molto individualisti, non guardano attorno e nemmeno all?altro?.

Ecco forse nessuno si ? pi? guardato attorno. E l’illusione ? diventato compiacimento: il passato non riusciva a produrre n? presente n? futuro, i giocatori hanno sentito (perch? le antenne le hanno) che il santone insisteva in un suo mantra, troppo fratturato, e i dirigenti non essendo capace di uccidere Cesare hanno prima parlato di situazione cancerogena e poi hanno armato di pugnali la squadra. Si sa: i vecchi maestri sono cocciuti e i giovani studenti arroganti. Il sogno ? svanito nel peccato: sarebbe stato bello ritrovarsi, perch? lo sport di questa materia ? fatta, ma non ? capitato.[…]

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy