Roma, c’? il Toro ma il pensiero ? gi? all’Inter

di finconsadmin

(repubblica.it – M.Pinci) Solo la Coppa. Quasi un fastidioso impaccio sulla strada della squadra, questa trasferta a Torino. La testa di tutti, a partire dai dirigenti, ? alla gara con l’Inter, a Trigoria non si parla di altro. Quella partita e il futuro, per il resto il campionato della Roma sembra interessare poco. Anche Marquinho tradisce quel “pensare una partita alla volta” che chiede solitamente Andreazzoli con un pensiero rivolto (anche) al futuro: “Dobbiamo vincere le prossime due partite”, annuncia l’esterno brasiliano Marquinho. E anche per questo a Trigoria ? nata l’idea di una trasferta di 5 giorni, senza ritorno a Roma da Torino, fermandosi a Novara. Per poi puntare verso Milano, verso la coppa.

 

Non chiamatelo ritiro punitivo, qualcuno potrebbe arrabbiarsi. Per la Roma ? soltanto un’occasione per lavorare insieme, lontano anche dalle pressioni della citt?, tra radio e giornali, e preparare con concentrazione la partita che davvero vale una stagione. Tra l’appuntamento di domenica con il Torino e quello di mercoled? Milano, dove contro l’Inter la Roma giocher? il ritorno della semifinale di coppa Italia, tre giorni di ritiro a Novara per una trasferta lunga addirittura 5 giorni. A Novarello, centro sportivo della squadra piemontese, si preparer? la semifinale di coppa: l’indicazione ? partita da Andreazzoli e il ds Walter Sabatini, ha trovato terreno pi? che fertile negli altri dirigenti, ha preso corpo accolta favorevolmente anche dalla squadra, contenta di evitare due?viaggi, Torino-Roma-Milano, ritenuti inutili: addio allora alle concessioni in stile Spalletti e Luis Enrique (ritiri prepartita azzerati), e tanti saluti anche alle accuse di eccessivo buonismo rivolte sia al tecnico che al management. Si lavora uniti, lontano da casa, certamente concentrati, per preparare quella gara che potrebbe garantire l’accesso alla finale di coppa Italia: perch? la propriet? Usa e ovviamente gli uomini che ne interpretano la gestione nella capitale vogliono fortissimamente un trofeo, il primo della New Era, per cancellare l’immagine di un’ennesima stagione disastrosa che accompagna la Roma dal 2 febbraio, giorno dell’addio a Zeman e ai sogni utopici di calcio spettacolo e successi rumorosi.?

 

E pensare che proprio uno degli ultimissimi atti della cura zemaniana era stato il successo nella gara di andata di coppa che ora consente ai giallorossi di ripartire contro l’Inter dal risultato di 2-1. E di pensare a preparare la gara della vita a Novara, tutti uniti: ma tutti davvero, perch? al ritiro lontano da Roma parteciperanno anche quei giocatori indisponibili domenica (De Rossi) o che, squalificati, non potrebbero scendere in campo a San Siro, come Burdisso e Osvaldo. Che, evidentemente, dovr? rinunciare all’idea di una nuova fuga d’amore.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy