Mondiali, Roma abbraccia la coppa per tre giorni di iniziative e di festa

di finconsadmin

(Repubblica.it – G. Luchini) Non solo il centro, ma anche le zone periferiche della capitale stanno vivendo la magia del Fifa World Cup Tour, organizzato da Coca-Cola. Il trofeo, atterrato all’aeroporto di Ciampino, rimarrà in Italia fino a venerdì e sarà a disposizione di tutti gli appassionati.

 

 

 

ROMA – Causio, Cabrini, Gattuso e Zambrotta: un poker di campioni del Mondo ha accolto la coppa Fifa al suo arrivo a Roma. Il tour sponsorizzato da Coca-Cola è approdato nella capitale. Questa mattina il volo speciale proveniente da Madrid è atterratto all’aeroporto di Ciampino con un leggero ritardo che ha contribuito ad accrescere ancora di più la trepidante attesa dei tanti presenti. Sbarcata in Italia, la coppa resterà a disposizione degli appassionati che vorranno ammirarla dal vivo e fotografarla fino a venerdì 21 febbraio. Il cerimoniale prevede che a toccare il trofeo in oro massiccio possano essere soltanto i campioni del mondo o i capi di Stato.

 

Ecco spiegata la presenza dei quattro testimonial d’eccezione che sono apparsi visibilmente emozionati nel rivedere quella coppa la cui conquista ha segnato in maniera indelebile la loro carriera di calciatori. “Alzarla sotto il cielo di Berlino è stato il momento più bello”, ha ammesso nel giorno del suo compleanno Gianluca Zambrotta, vincitore dei Mondiali nel 2006. Antonio Cabrini, uno degli eroi di Spagna 1982, ha rievocato con piacere “il viaggio di ritorno in aereo assieme a Pertini, un grandissimo personaggio, e l’arrivo proprio a Ciampino dove c’era una folla di 40mila tifosi ad attenderci”. “Il presidente della Repubblica – ha aggiunto ‘il barone’ Franco Causio – chiese al pilota di fare ancora un giro sul cielo di Roma prima di atterrare, in modo che ci potessimo godere fino in fondo quegli attimi indimenticabili”. 

Per Rino Gattuso, invece, il ricordo più piacevole è stato “quando ho portato la coppa nel mio paese in Calabria”. Parole che riassumo il concentrato di emozioni che la rassegna iridata di calcio riesce a trasmettere a milioni di persone di tutto il mondo. E su iniziativa del Comune di Roma, in piena sintonia con gli obiettivi di Fifa e Coca-Cola, si cercherà di sfruttare la coppa proprio come elemento di aggregazione e coesione sociale. Per questo il trofeo non sarà esposto soltanto nel salotto buono della città, ma verrà portato anche in zone periferiche: il modo migliore per farlo diventare ‘la coppa di tutti’.

 

 

Dopo la cerimonia di accoglienza in Campodgolio, rappresentati delle istituzioni politiche, guidati dal sindaco Marino e dall’assessore allo sport Pancalli, e dirigenti di Coca-Cola Italia hanno dunque accompagnato la coppa a Corviale, quartiere dove ha sede Calciosociale, la società dilettantistica dedita all’organizzazione di attività inclusive per ragazzi con problemi di varia natura, per poi raggiungere l’Oratorio Don Bosco. Giovedì e venerdì il fulcro della tre giorni romana diventerà Piazza del Popolo, dove grazie all’allestimento del villaggio Coca-Cola sarà possibile respirare la magica atmosfera dei Mondiali attraverso una serie di iniziative capaci di coinvolgere adulti e bambini.

 

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy