La Roma batte 2-1 la squadra del Papa. Spalletti: “Sul mercato potevamo fare di più”

«Una giornata speciale che bisogna godersi e queste iniziative vanno ripetute. Conta solo il campo, e noi cercheremo di dare del filo da torcere alla Juve», parola di Francesco Totti al termine della gara

di Redazione, @forzaroma

Un pomeriggio per le famiglie con in campo Roma e San Lorenzo ad affrontarsi in un’amichevole il cui incasso verrà devoluto ai terremotati. Vince la squadra giallorossa (2-1 Iturbe e il primavera Keba), davanti a circa tredicimila spettatori. Non c’è De Rossi, infortunatosi con l’Italia al polpaccio e vicino alla moglie, l’attrice Sarah Felberbaum, che ieri gli ha regalato il terzo figlio. In campo per 90 minuti c’è stato Totti, con una maglia speciale. “Francesco”, la scritta sopra il numero 10, ricorda Francesca Ferrazza su “Repubblica“.

«Una giornata speciale che bisogna godersi e queste iniziative vanno ripetute. Conta solo il campo, e noi cercheremo di dare del filo da torcere alla Juve», parola del numero 10. La fascia da capitano è stata tolta invece a De Rossi, da Spalletti, dopo il rosso rimediato contro il Porto. Al neo papà sono state inflitte tre giornate di squalifica dall’Uefa, e tanto durerà la punizione. «Daniele sa che ci sono le regole – spiega il tecnico – e accetta la cosa con l’intelligenza e la tranquillità del campione». Il mister commenta poi la chiusura del mercato giallorosso: «Si cercava di avere di più, ma la società ha fatto quello che poteva e io sono a posto con questa rosa. Poi se ci sono troppe situazioni insieme andiamo in difficoltà, come gli infortuni. Bisogna che abbia tutti per farli ruotare».

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy