Forzaroma.info
I migliori video scelti dal nostro canale

La Repubblica

Conta chi segna. Sul resto valgono le parole di Totò

Getty Images

Si può giocare bene anche facendo giocare male gli avversari

Redazione

Da sempre e per sempre, c’è un solo modo per vincere le partite: segnare un gol più degli avversari, scrive Mimmo Ferretti su Il Messaggero. Il regolamento del giuoco del calcio non contempla altre opzioni. Non conta giocare bene o male, conta soltanto fare un gol più degli altri. Stop. Ma poi: cosa significa giocare bene o male? Si può giocare bene anche facendo giocare male gli avversari, ad esempio. Il concetto di bellezza applicato al pallone non ha confini certi: l’unica cosa veramente bella è vincere la partita. Come riuscirci è un accessorio, l’essenza è segnare più dell’avversario. Chi segna di più ha sempre ragione. E merita il successo. Anche se ha lasciato il pallone costantemente tra i piedi del nemico. Strategia, si chiama. Conta il fine che, come sempre, giustifica i mezzi. E chi si meraviglia di ciò, chi continua a dividere il mondo pallonaro tra “giochisti” e “risultatisti”, magari asserendo che i primi sono i Buoni e gli altri i Cattivi, spesso dimentica che un risultato è sempre figlio di un gioco. Basta saper individuare quale, ad esserne capaci. La Roma contro il Torino ha scelto di far giocare l’avversario e ha vinto la partita. Una strategia che José Mourinho conosce alla perfezione e che negli anni ha aiutato il portoghese a vincere come (quasi) nessun altro. Una Roma al sapore di Mou. Cinica e spietata, si è detto. Dimenticando di metterci pure intelligente, però. Perché se non usi la testa, non porti mai a casa la vittoria. Mai. Soprattutto se/quando scegli di coprirti e di aspettare il momento giusto per andare a far male all’avversario. La versione più mourinhiana di Mourinho ha consolidato la Roma al quinto posto, a tre lunghezze dalla zona Champions, davanti a Lazio e Juventus nonostante i due ko subìti contro Sarri e Allegri.