Aria di Champions: stavolta la Roma non fa la stupida

Aria di Champions: stavolta la Roma non fa la stupida

I giallorossi vincono 3-0 contro il Chievo e si preparano al Porto

di Redazione, @forzaroma

Al di sotto della Juve tre gol al Chievo valgono più dell’apparenza. Valgono soprattutto l’aggancio alla Lazio, che per la Roma non è un’avversaria qualsiasi, e un quarto posto virtuale che almeno fa un po’ di scena e mette un po’ di pressione sugli altri. La Roma che in trasferta veniva dai 10 gol presi tra Bergamo e Firenze è riuscita a farne tre senza prenderne nemmeno uno, scrive Bocca su “La Repubblica”. Quelli bellissimi e tutti ottenuti su grandi giocate, di El Shaarawy, Dzeko e Kolarov hanno confezionato una vittoria distensiva e rilassante, che introduce i giallorossi, senza ulteriori processi e patemi, ai giorni caldi e difficili del ritorno in Champions. Anche se contraccolpi e veleni non mancano: qualche centinaio di tifosi della Roma si è presentato con lo striscione “rispetto per la maglia”, e il terzo gol di Kolarov a sigillare e mettere in sicurezza il risultato, da lui fatto seguire con un inchino alla curva stessa, è stato ripagato con una pioggia di insulti e cori contro. “Kolarov è un grande professionista e alla Roma ha dato tutto”, si è schierato dalla sua parte Di Francesco. La Roma era in crisi latente, ma proprio allora si capì che tutte queste sorprese, queste distrazioni, queste rimonte non erano episodiche ma sistematiche, l’incubazione di un virus che avrebbe poi destabilizzato un po’ tutto: indebolendo la difesa, infiacchendo l’attacco, fino ad attaccare la panchina di Di Francesco. Adesso è come se la Roma fosse in convalescenza e si stesse curando con l’omeopatia: non si sa cioè quanto stia bene e se i progressi siano accertati. Di certo la partita col Milan è stata una bella sferzata e la vittoria di ieri è pur sempre una piccola conquista. El Shaarawy è il vero uomo gol, tra gol e traverse Dzeko ha avuto una gran serata. Col tempo si è dovuto sopperire alla penuria di reti degli attaccanti deputati. “Siamo diventati una cooperativa del gol – ha detto Di Francesco – e ne sono molto orgoglioso”. Servirà soprattutto in Champions.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy